Questa e' la prima foto Questa e' la seconda foto Questa e' la seconda foto Questa e' la seconda foto Questa e' la seconda foto Questa e' la seconda foto Questa e' la seconda foto

Frosinone, interviste pre ritiro

Lo sguardo è proteso verso il futuro, il volto è disteso ma nell’animo c’è grinta e determinazione per disputare un grande campionato. Cosi si sono presentati i giocatori ed il mister del Frosinone prima di prendere il pullman che li condurrà a Cascia, località scelta dalla società canarina per il ritiro in vista della stagione 2012/2013.  Tecnico ed atleti, tra cui i nuovi arrivati Davide Bertoncini, Robert Gucher, De Onofre Rogerio Ricardo e Cristian Cesaretti, si sono concessi alle domande ed ai taccuini dei giornalisti presenti presso l’Hotel Bassetto di Ferentino.


Mister Stellone ha spiegato che il modulo di riferimento del suo Frosinone sarà il 4-3-3. “Abbiamo i giusti interpreti per poter usare questo schema di gioco ma dovremo essere abili a cambiare aspetto nel corso delle partite per sorprendere i nostri avversari. I ragazzi dovranno avere una mentalità vincente. Giocheremo all’attacco ma questo non significa sistematicamente subire contropiedi avversari. Riuscendo ad essere pericolosi metteremo sotto costante pressione l’avversario e cosi ne beneficierà la difesa. Questo è il mio esordio sulla panchina di una squadra professionistica e sono davvero determinato per fare bene. Valorizzare i giovani è solo un obbiettivo e non l’unico. Frosinone è una piazza importante, tutto l’ambiente ha voglia di tornare a gioire e noi dovremo saper accontentare i nostri tifosi regalando loro delle soddisfazioni. Per quanto riguarda i ragazzi della Berretti è vero che li conosco bene però non dobbiamo commettere l’errore di pretendere troppo da loro. Ricordo che il primo anno che fui convocato nella prima squadra della Lodigiani non mi espressi al meglio. Il mister mi mandò anche in tribuna e quando giocai certo non feci grandi prestazioni. L’anno seguente invece mi laureai capocannoniere della serie C. Con i talenti della Berretti che promuoveremo in Prima Squadra occorre quindi grande pazienza per ottenere il massimo. Sono soddisfatto della rosa che ho a disposizione. Alla società ho indicato i profili, le caratteristiche dei giocatori che credo possano essere funzionali al Frosinone che desidero schierare in campo. Dei rinforzi e delle importanti conferme sono già arrivate e partiamo per il ritiro con una squadra già ben delineata.

 


giocatori FrosinoneIl talento del Frosinone Sasà Aurelio, estroso anche nella scelta di un paio di scarpe rosse, ha rassicurato sulla sua permanenza nel capoluogo ciociaro: “Al momento non c’è nessuna trattiva aperta. Ho un contratto con il Frosinone ed intendo rispettarlo. Ovviamente queste voci di mercato fanno piacere ed anche se una formazione di serie B mi cercasse non credo sia semplice portare a termine la trattiva. Qui sto bene ed ho voglia di togliermi grandi soddisfazioni.

 


Andrea La MantiaTra gli attaccanti Andrea La Mantia reclama spazio: “Ho voglia di impressionare il mister. Lo scorso anno sia qui a Frosinone che nel prestito ad Andria ho preso le misure con la Prima Divsione. Ora intendo impressionare il mister e ritagliarmi il mio spazio”.

 


In squadra c’è già un clima di grande affiatamento. Battute, scherzi e sorrisi sono una costante, anche tra i nuovi arrivati. Tra i volti nuovi del Frosinone, il primo a concedersi ai gionalisti è stato il carioca De Onofre Rogerio Ricardo: “Sono un attaccante esterno destro anche se sono mancino. Il Frosinone è una buona squadra che vuole raggiungere la serie B, ha grandi ambizioni proprio come me. Conosco l’Italia perchè mio nonno era di Napoli e sono stato a Varese ma per un problema di documenti non ho potuto giocare ed ora ho intenzione di mettermi in mostra. Appena arrivato a Frosinone mi ha colpito il mister ed i compagni di squadra che si sono mostrati subito disponibili nei miei confronti. Ho respirato un clima positivo e spero di fare bene per questa squadra. I miei idoli sono Kakà e Pirlo. Come loro voglio entusiasmare e fare molti cross per i miei compagni d’attacco.


Il difensore Bertoncini ha esordito spiegando le sue caratteristiche: “Sono bravo nel gioco areo, posso giocare al centro della difesa cosi come terzino destro. Sono rimasto impressionato dai tifosi che seguono molto la squadra. Il mister è una persona molto corretta che richiede il massimo impegno da ognuno di noi e credo che potremmo toglierci grandi soddisfazioni.


conferenza Frosinone CalcioFinalmente sono qui a Frosinone definitivamente – queste le prime parole di Cesaretti -. Quest’anno vogliamo riportare entusiasmo alla piazza dopo aver deluso le aspettetive nella scorsa stagione. Credo che sia l’anno giusto per noi giovani per consacrarci definitivamente. Lungo il percorso del campionato, in base ai risultati che otterremo, ci porremo degli obiettivi”.

 


Robert Gucher è sulla stessa linea d’onda di Cesaretti:“Sono contento di tornare a Frosinone ed ho voglia di tornare a giocare dopo l’infortunio alla mano che mi è capitato la scorsa stagione. Per questo conveniente sono stato fermo due – tre mesi. Trovare Stellone mister è una grande sorpresa. Già quando è arrivato come giocatore era un idolo per tutti visto le sue grandi qualità. Io mi metterò a disposizione del mister: posso giocare sia davanti alla difesa che come mezzala. Il mio obbiettivo è quello di giocare ed essere protagonista e per questo mi impegnerò a fondo negli allenamenti.

Questi i convocati per il ritiro di Cascia:
Portieri
Fiorini Simone, Palombo Damiano, Vaccarecci Matteo, Zappino Massimo
Difensori
Amelio Ciro, Bertoncini Davide, Biasi Dario, Catacchini Fabio, Del Duca Pietro, Formato Fabio, Frabotta Daniele, Funari Thomas, Guidi Nicholas, Rea Simone, Vitale Simone
Centrocampisti
Altobelli Daniele, Bottone Davide, Carrus Davide, Crescenzi Enrico, Frara Alessandro,Gori Mirko, Gucher Robert, Salvi Matteo
Attaccanti
Artistico Mario, Aurelio Salvatore, Campagna Leandro, Cesaretti Cristian, De Onofre Rogerio Ricardo, Ganci Massimo, La Mantia Andrea, Paganini Luca, Rotondi Kevin, Santoruvo Vincenzo