Lazio Primavera batte il Latina

Pubblicato il: 09-11-13

Il Latina Primavera esce a testa alta dalla sfida proibitiva in casa della Lazio campione in carica. I ragazzi di mister Marco Ghirotto reduce da uno splendido filotto di vittorie si arrendono per 4-2 agli aquilotti. Lazio che parte forte con i tentativi di Elez, Tounkara e Oikonomidis. I nerazzurri si vedono invece con una punizione di Addessi sulla barriera e  sfruttano  un pallone perso sulla fascia sinistra da Filippini: contropiede rapido innescato da Addessi, sponda di Rossella verso l’accorrente Mazzoleni che, in corsa, non inquadra la porta. Forzati resiste per 37', quando sugli sviluppi di un calcio d'angolo di Oikonomidis, Elez prolunga di testa in area e Crecco risolve la mischia anticipando tutti. Il raddoppio arriva poco dopo. Al con un capolavoro di Oikonomidis che dal vertice destro dell’area di rigore lascia partire un destro potentissimo, sul quale nulla può l’estremo difensore del Latina. I nerazzurri non mollano la presa e provano a reagire nalla ripresa grazie anche ai cambi effettuati da Ghirotto che manda nella mischia Catania e Maciucca. Ma la Lazio è spietata fa poker con la doppietta di Fiore tra il 10' ed il 15' (assist di Oikonomidis e Tounkara). A questo punto viene fuori il cuore nerazzurro. I pontini tornano in partita con Manni, bravo a chiudere una ripartenza dei suoi con un bel diagonale, e Addessi su calcio di rigore concesso per atterramento in area su Fedeli. Nel finale arriva il rosso a Celli che spezza le residue speranze di rimonta del Latina.
LAZIO - LATINA 4-2
LAZIO (4-3-3): Guerrieri; Pollace, Serpieri, Elez, Filippini; Crecco, Oikonomidis, Pace (45′st Fé); Lombardi, Fiore (18′st Murgia), Tounkara (29′st Palombi).
A disp.: De Angelis, Mattia, Paterni, Costalunga, Perocchi, Sterpone, Silvagni, Steri, Milani.
Indisponibili: Antic (operazione al ginocchio)
All.: Bollini.
LATINA (4-3-1-2): Forzati; Manni, Tomei, Berti (7′st Maciucca), Bianchi; Celli, Addessi, Mazzoleni; Fedeli; Rosella (16′st Torri), Peressini (7′st Catania).
A disp.: Scarsella, Anastasio, Ottaviani, Iraci, Iannella, Blandino, Zeccolella, De Luca, Novara.
All.: Ghirotto.
ARBITRO: Sig. Candeo di Este
ASSISTENTI: Sigg. Scarica e Della Vecchia
MARCATORI: 39′pt Crecco (LAZ), 43′ pt Oikonomidis (LAZ), 11′st e 15′st Fiore (LAZ), 17′ st Manni (LAT)
AMMONITI: Addessi, Mazzoleni (LAT), Tounkara, Oikonomidis, Fiore, Murgia (LAZ)
ESPULSO: Celli al 39′st (LAT)


INTERVISTE POSTGARA PRIMAVERA - Il tecnico della Lazio Primavera, Alberto Bollini, ha parlato ai microfoni di Lazio Style Channel e Lazio Style Radio nell’immediato postgara di Lazio-Latina. Queste le sue parole:
Una vittoria convincente contro una squadra che veniva da quattro risultati positivi
Si, delle insidie della partita eravamo consapevoli: il Latina è una squadra che oltre ad essere in ottima salute sapevamo essere molto combattiva e rapida sul fronte offensivo. Quindi un merito ai nostri ragazzi che hanno dimostrato ancora una volta di saper lottare con equilibrio tattico e, soprattutto, con carattere. Senza tattica e senza carattere è difficile fare emergere la tecnica. Ho dibattuto molto durante gli allenamenti, poi volevamo giocare non solo una partita a viso aperto ma anche convincente sul piano del palleggio. A tratti ci siamo riusciti contro un ottimo Latina, non a caso veniva da quattro risultati positivi, sapevamo del loro carattere e del loro agonismo, ne è uscita una partita avvincente, bella, dove la Lazio ha vinto meritatamente ma non ha vinto facendo di certo una passeggiata perché l’avversario ci ha fatto pagare cara la pelle. Il merito però va alla squadra, perché ci sono le basi per migliorare nel quotidiano ed eliminare gli errori, che credo siano normali in ragazzi di questa fascia d’età.

Mister, siete tornati dalla sosta con tre vittorie dopo le due sconfitte contro Palermo e Juventus: vi siete ritrovati. Come avete lavorato nella sosta, cosa vi siete detti per ottenere questi ottimi risultati?
Intanto, ciò che è stato è stato, soprattutto in negativo. Quella con il Palermo è stata una gara rocambolesca, forse abbiamo fatto lì il miglior primo tempo per quanto riguarda il gioco, ma siamo stati distratti negli episodi. Per la Supercoppa, quando è gara secca, ci è scattata una rabbia in più, una rabbia agonistica, se così possiamo dire, perché la Lazio Primavera non va mai in campo molle o giochi un calcio superficiale: non l’abbiamo mai fatto e spero mai lo faremo. Un peccato quel risultato, ma nel calcio si deve passare anche tramite le sconfitte. Abbiamo lavorato bene sull’aspetto fisico, quando ci siamo ritrovati sapevamo che col Livorno ci aspettava una gara tosta dal punto di vista tattico. Il derby l’abbiamo vinto con carattere più che con tecnica, oggi è stato un mix di tutti questi concetti. Credo che la Lazio abbia fatto un’ottima partita, dimostrando di essere gruppo. Lo sottolineo più di una volta, ma oggi parlando di qualche singolo, ad esempio Oikonomidis che lo scorso anno giocava pochissimo nell’Atalanta, ha fatto un grande gol dimostrando la completezza che voglio nel settore giovanile: conoscere le due fasi e dimostrare di avere abilità tecnica. Lui è lo specchio della partita di oggi.
        
    AVELLINO - ROMA           2-2
    CATANIA - CROTONE       0-0
    LAZIO - LATINA                4-2
    LIVORNO - FIORENTINA    0-6
    PALERMO - NAPOLI        1-1
    REGGINA - BARI              1-2
    TRAPANI - JUVE STABIA   2-2


CLASSIFICA
    
1     FIORENTINA     18     
2     LAZIO               18    
3     ROMA              16   
4     LIVORNO         15    
5     PALERMO        11     
6     CATANIA          11     
7     BARI                 9    
8     NAPOLI             9     
9     LATINA              8     
10     REGGINA       7     
11     CROTONE       6    
12     JUVE STABIA     5     
13     TRAPANI        4     
14     AVELLINO     1     
  

 

G.P