Axed Group parla il Presidente La Starza

Pubblicato il: 04-04-16

L'Axed Group Latina Calcio a 5, archiviato il pareggio di venerdì scorso (1 aprile) contro la Cogianco, guarda al futuro con la speranza di poter ancora tagliare il visto per i play off. A scendere in campo, questa volta, è il presidente del club nerazzurro, Gianluca La Starza.

Presidente, un commento sulla partita con la Cogianco di venerdì: risultato bugiardo?

“Credo che chiunque abbia visto la partita può serenamente dire che se c'era una squadra che meritava di vincere la partita, non solo per le occasioni avute ma per la voglia ed il cuore che ha messo per raggiungere la vittoria, questa era il Latina”.

Una Cogianco rinunciataria o forse smarrita dall'esonero flash del suo allenatore Musti?

“Non so se sia stato questo il motivo e non entro su questioni che non mi riguardano”.

Pensava che le assenze di Avellino e Maina potessero incidere di più sotto il profilo della prestazione?

Erano due assenze importanti per una rosa come la nostra, ma nonostante tutto la squadra ha sfoderato una prestazione superlativa. Abbiamo pagato dazio solo sul finire, quando le energie dei giocatori erano ormai esaurite e quando Sebastian Corso ha giocato gli ultimi minuti con un ginocchio infortunato. Solo allora la Cogianco ha avuto due occasioni nitide per fare gol, ma per il resto della gara non credo di esagerare se dico che abbiamo surclassato per gioco ed occasioni la Cogianco”.

Si può dire che Moliterno sia stato quello che ha permesso alla Cogianco di rimanere in partita?

“Sicuramente i suoi interventi sono stati veramente in alcune occasioni superlativi, ma sull'ultimo, a pochi secondi dalla fine, c'è solo fortuna perchè non mi si venga a dire che volesse prendere la palla in quel modo”.

Capitolo arbitraggio, vuole spendere due parole?

Sono anni che assisto a decisioni arbitrali assurde, senza che l'arbitro di turno venga sospeso o retrocesso di categoria. Solo in questo sport si assite inermi alle nefandezze di alcuni arbitri, senza che si prendano provvedimenti. Abbiamo subito tre ammonizioni, guarda caso agli unici tre giocatori diffidati: Battistoni, Borja Blanco e Arnaldo per interventi veniali e dall'altra parte c'è stato un fallo durissimo su Corso lanciato verso la porta punito con un semplice giallo. Sorvolo su tante altre decisioni discutibili, ma il signor Cumbo responsabile degli arbitri, deve spiegarmi come tutte e due i direttori di gara, abbiano potuto fischiare un fallo a Luisinho già ammonito e non estrarre il rosso dopo un intervento del genere”.

La questione play off adesso si fa dura?

Partite come quelle di venerdì contro la Cogianco ti lasciano l'amaro in bocca, non solo per un risultato che non arriva, ma per una prestazione in cui riconosci fino in fondo qualità e cuore nella squadra che hai immaginato e costruito ad inizio stagione, caratteristiche che hanno contraddistinto quasi sempre questa formazione. Ecco, sta proprio lì la differenza tra il raggiungere un obbiettivo o no, in quel 'quasi', quelle poche volte in cui abbiamo mollato di un centimetro la voglia di raggiungere un risultato, vedi soprattutto Corigliano. Hanno finito per farci trovare in questa situazione in cui tutto dipenderà dal risultato di qualcun altro. C'è stato uno scatto fotografico dell'ultima partita su Borja Blanco che mi ha colpito particolarmente e che forse racchiude il mio pensiero, in cui sembra voler imprecare contro la sfortuna ma forse più probabilmente chiedersi il perchè siamo dovuti finire nel ritrovarci in questa condizione assurda per aver sprecato tante occasioni per avere un destino diverso”.

 

C.S.