Axed Latina perde in casa contro Luparense

Pubblicato il: 06-01-18

L’Axed Latina perde in casa contro i campioni d’Italia nonostante il doppio vantaggio iniziale. I nerazzurri, decisamente rimaneggiati, giocano una gara di gran carattere ma dopo una gran partenza subiscono la rimonta degli ospiti in un match condizionato da pesanti errori arbitrali che hanno condizionato l’andamento della gara.
PRIMO TEMPO
I nerazzurri schierano Basile tra i pali, Paulinho, Diogo, Battistoni e Maluko, mentre gli ospiti presentano Miarelli in porta, Ramon, Honorio, Mello e Rafinha
Gara subito molto intensa con le due squadre che si affrontano a viso aperto cercando sin dalle prime battute il gol. I nerazzurri creano subito un paio di situazioni interessanti prima con Maluko, ben controllato da Miarelli e poi con Diogo, ma il suo sinistro dal limite termina di poco a lato. Poi all’8’33’’ è una magia di capitan Battistoni a portare avanti i nerazzurri: partenza veloce da sinistra, sterzata verso il centro e gran botta dalla distanza su cui Miarelli non può intervenire. Il Latina si esalta e dopo pochi secondi raddoppia grazie ad un contropiede finalizzato alla grande da Maluko che mette il pallone sotto l’incrocio dei pali una volta a tu per tu con l’estremo difensore avversario. La Luparense reagisce, Basile interviene bene su Jesulito lanciato a rete, poi è Honorio a sprecare da due passi una ghiotta occasione per i veneti. Al 14’40’’ però è un errore dei padroni di casa a spianare la strada alla ripartenza vincente di Rafinha che accorcia le distanze. Pochi attimi più tardi è un miracolo di Basile invece a salvare il risultato. Al 16’ assist d’oro per Maluko solo in area, ma stavolta il brasiliano manda alle stelle da ottima posizione. Al 19’ ancora Basile si supera sulla conclusione da distanza ravvicinata di Mello. A 14’’ secondi dalla fine Jesulito firma con un tocco di mano il pari, ma gli arbitri incredibilmente convalidano.
Il primo tempo si conclude così 2-2.
SECONDO TEMPO
Nella ripresa subito una gran parata di Miarelli sul sinistro velenoso di Diogo, al 3’ invece è Rafinha a sprecare tutto solo davanti a Basile. Passano 45’’ e Jesulito con il sinistro trova lo spiraglio giusto per colpire e dare il primo vantaggio del match agli ospiti. Il Latina, in formazione rimaneggiata, accusa un po’ il colpo e allora ci pensa Basile a intervenire da campione sulla botta di Jefferson. Al 6’ bel numero di Maluko al limite dell’area, ma sul suo tocco di esterno Miarelli mette in angolo. Al 10’26’ Diogo commette fallo in area di rigore e Ramon dal dischetto non sbaglia per il 4-2 ospite. L’Axed Latina cerca di riemergere dopo il poker della Luparense e le clamorose sviste dei due direttori di gara Ziri di Barletta e Cursi di Jesi. Al 12’52’’ Jefferson segna ancora per la Luparense su calcio di punizione, poco dopo invece è la traversa a dire di no a Paulinho. I padroni di casa con il portiere di movimento tentano l’assalto finale e al 14’50’’ vanno a segno con un gran sinistro di Diogo. Il sesto gol ospite arriva al 16’38’’ con un sinistro chirurgico di Mello. Dopo il cartellino rosso a Battistoni arriva anche la settima rete, sempre di Mello a 2’ dalla fine.
La sfida finisce così 3-7 per la Luparense.

Axed Latina - Luparense 3-7

Axed Latina: Basile, Aiello, Cretella, Maluko, Diogo, Del Ferraro, Pilloni, Paulinho, Battistoni, Raubo, Baroni, Landucci. All. Mannino

Luparense: Miarelli, Tobe, Ramon, Lara, Pavanetto, Honorio, Jesulito, Rafinha, Leofreddi, Taborda, Etilendi, Mello, Jefferson. All: Ortega
Arbitri: Ziri di Barletta, Cursi di Jesi
Cronometrista: Iannuzzi di Roma 1
Marcatori: 8’33’’Battistoni, 9’00’’Maluko, 14’40’’ Rafinha, 19’46’’Jesulito, 3’45’’st Jesulito, 12’52’’st Jefferson, 14’50’’Diogo, 16’38’’st Mello, 18’00’st Mello
Ammoniti: Jefferson, Battistoni, Lara, Paulinho, Diogo
Espulso: Battistoni per doppia ammonizione al 17’30’’st

Post gara Axed Latina-Luparense
L’analisi del tecnico Mannino.

L’Axed Latina finisce ko nel primo appuntamento del 2018. I nerazzurri si sono dovuti arrendere alla forza dei campioni d’Italia della Luparense dopo un match comunque combattuto. I pontini ancora una volta si sono presentati in campo con una lunga lista di infortunati, assenze che stanno condizionando in negativo la stagione dei ragazzi di Mannino. Eppure dopo pochi minuti i padroni di casa si erano ritrovati sul doppio vantaggio grazie a due perle di Battistoni e Maluko. Poi però la storia è cambiata, come ha spiegato il tecnico dell’Axed: “Sapevamo di giocare contro una delle formazioni migliori del campionato, loro hanno tanta qualità e purtroppo non abbiamo potuto giocarcela come avremmo sperato. Questo è un momento particolare dove bisogna tenere duro, spero che il peggio sia ormai alle spalle, una volta tornati nuovamente a regime saremo in grado di risalire la china perché questo è un gruppo che ha qualità. Peccato, resta un bel po’ di rammarico per quello che sarebbe potuto essere e non è stato, abbiamo iniziato alla grande il match, aggredendo gli avversari sin dal primo pallone. Non a caso siamo stati in grado di andare sul doppio svantaggio, poi purtroppo una ingenuità ha permesso alla Luparense di accorciare le distanze e alla fine del primo tempo un episodio decisamente controverso ha dato la possibilità agli ospiti di pareggiare. Nella ripresa siamo calati di intensità, ma era inevitabile vista la differenza di rotazioni tra le due squadre. Ai ragazzi non posso davvero rimproverare nulla, hanno dato il massimo e davvero non meritavano questo ultimo periodo in cui i risultati non ci hanno dato ragione. Il rosso a Battistoni è l’ennesima tegola di una stagione che da un mese e mezzo si sta complicando a causa di episodi molto sfortunati. Per la gara di Rieti speriamo di recuperare Saul e Bernardez, la loro assenza insieme a quello di Espindola si è fatta tanto sentire contro la Luparense. A questi livelli è già difficile quando hai fuori uno o due giocatori, noi ne avevamo addirittura tre out e così diventa tutto più complicato. Ora è il momento di stare tutti uniti, affrontare al massimo delle nostre possibilità Rieti e Milano cercando di fare punti e giungere alla pausa con un po’ più di serenità. Una volta di nuovo al completo saremo in grado di tornare ai livelli visti ad inizio stagione, su questo non ho dubbi”.

 

C.S.