Unicusano Fondi bene la prima

Pubblicato il: 28-08-16

All’ esordio contro la Reggina, i rossoblù rifilano tre goals ai calabresi, festeggiano un esordio spettacolare e mettono all’ incasso la prima vittoria nella Divisione Unica di Lega Pro, che consente alla squadra dell’ Ateneo di iniziare come meglio non si sarebbe potuto.
Moduli di gioco speculari in avvio: il tecnico di casa Sandro Pochesci schiera la tradizionale linea difensiva a quattro davanti a Baiocco (Galasso e Squillace esterni, Bertolo e Mucciante centrali) con tre centrocampisti (Varone, De Martino e Bombagi) ed altrettanti attaccanti (Tiscione e Calderini al fianco di Albadoro); lo stesso dicasi per il reggino Karel Zeman, che propone Cane, De Boide, Gianola e Porcino in terza linea, Botta play maker di centrocampo affiancato da Bangu e De Francesco, l’ esperto Coralli al centro dell’ attacco con il supporto di Oggiano (a destra) e Carpentieri (sinistra). In apertura di match c’è un certo equilibrio, ma i primi sussulti offensivi sono di manca fondana, poco prima del quarto d’ ora con Calderini che, ricevuta palla da Albadoro su un errato disimpegno della difesa calabrese, calcia dalla distanza alto sulla traversa; e lo stesso ex Catania fa gridare al goal tre minuti dopo, con un diagonale fuori di poco su assist di De Martino. Ma l’ attaccante umbro trova il modo di farsi perdonare con la rete del vantaggio all’ altezza della mezz’ ora, infilando in uscita il portiere ospite con un perfetto diagonale infilatosi nell’ angolo alto alla sinistra di Sala. La risposta dei reggini è immediata, ed è affidata ad Oggiano, autore di un gran tiro in diagonale dal limite dell’ area che chiama Baiocco ad una spettacolare deviazione in angolo. Ma poco dopo ecco il raddoppio dei pontini, i quali sfruttano nel modo migliore un rigore assegnato per un fallo di Porcino su Tiscione e che Albadoro ha trasformato in maniera impeccabile (piatto destro alla sinistra del portiere, completamente spiazzato). Il finale di prima frazione è nelle mani dell’ undici di Zeman, ma a parte una doppia conclusione dalla distanza di Oggiano prima e Bangu poi, la difesa laziale non corre particolari rischi.
Il secondo tempo si apre subito con l’ UnicusanoFondi alla ribalta, capace di sfiorare la terza marcatura con Albadoro, la cui conclusione al volo su servizio di Varone è stata deviata in tuffo da Sala  Ma i reggini non mollano, e poco dopo colgono la traversa della porta di Baiocco su gran tiro di Botta, con il pallone che termina in angolo; e dal susseguente tiro dalla bandierina arriva la segnatura ospite con il difensore centrale Gianola, che sul secondo palo trova lo spazio giusto di testa per insaccare. L’ UnicusanoFondi riparte in chiave offensiva, ed è Calderini che si vede fermato nello spazio dallo stesso Gianola, mentre al 16’ è Sala che si deve opporre alla grande ad una girata ravvicinata di Tiscione, coordinatosi su cross di Galasso. Poi, in rapida successione ci provano D’ Agostino, entrato al posto di Calderini (rasoterra dai sedici metri a lato) e Bombagi (punizione a girare, alta sulla traversa), mentre poco oltre il trentesimo lo stesso numero dieci fondano costringe l’ estremo difensore amaranto ad una difficile deviazione in corner. I reggini ci credono egualmente, e sono loro a far gridare al goal con Forgione, che sul secondo palo da ottima posizione spara alto un assist di Coralli. Successivamente è Bertolo a sfiorare la segnatura, mancando da pochi passi l’ incornata giusta, ma a quattro dalla fine ecco il colpo di D’ Agostino: assist di Varone, il fantasista si accentra, conclusione a girare leggermente deviata da un difensore e palla nell’ angolo alto.


UNICUSANO FONDI-REGGINA 3 - 1

UNICUSANO  FONDI (4-3-3): Baiocco; Galasso, Bertolo, Mucciante, Squillace; Varone, De Martino, Bombagi; Tiscione (37’ st D’ Angelo); Albadoro (42’ st Iadaresta), Calderini (14’ st D’ Agostino). A disp.: Coletta, Signorini, Battistoni, Guadalupi, Addessi, Tommaselli, Pompei,. All.: Pochesci.
REGGINA (4-3-3): Sala; Cane, De Bode, Gianola, Porcino; Bangu (40’ st Bianchimano), Botta (15’ st Forgione), De Francesco;  Oggiano, Coralli, Carpentieri (8’ st Lancia). A disp.: Licastro, Maesano, Tripicchio, Lo, Cucinotti, Brunetti.  All.: Zeman.
ARBITRO: Cipriani di Empoli (D’ Alberto-Basile)
RETI: 29’ pt Calderini (Uf), 35’ pt Albadoro (Uf, rig,), 5’ st Gianola (R), 41’ st D’ Agostino (Uf)
NOTE: prima della gara minuto di silenzio in memoria delle vittime del terremoto nel Centro Italia; giornata bellissima, prima del match il presidente della Reggina, Mimmo Praticò, ha donato una targa ricordo all’ Unicusano Fondi per la collaborazione fornita in occasione della trasferta; ammoniti Coralli, Porcino, Gianola (R) , recupero 0’ pt, 4’ st

DOPO GARA
POCHESCI (All.: Unicusano Fondi): Gara intensa e bella da parte nostra, abbiamo creato e costruito tanto, il risultato ci premia nella giusta misura contro una squadra valida ed importante. E’ il primo passo, quello che ci serviva per partire bene, ma dobbiamo ancora fare molto.

ZEMAN (All.: Reggina): Abbiamo vissuto una settimana molto pesante, con tre partite e tanti trasferimenti. Diversi giocatori non hanno iniziato con noi la preparazione, e devono dunque crescere ancora tanto. Bisogna avere pazienza e lavorare serenamente, perché con il nome ed il blasone non si vince.

 

 

C.S.