Roma, accordo per sport e formazione tra Us Acli e Ambasciata Moldava

Pubblicato il:14-12-17

Roma, 14 dicembre 2017 - L’US Acli e la Moldova per crescere insieme. Sono state gettate le basi per un importante protocollo d’intesa con l’ambasciata di Moldova in Italia, che consentirà alla Repubblica di Moldova di avvalersi della collaborazione dell’US Acli come collante di integrazione, non solo sportiva, per i circa 400 mila cittadini moldavi in Italia e, viceversa, approntare un programma di formazione in terra moldava. Il tutto, a seguito dell’incontro istituzionale avvenuto martedì scorso presso l’ambasciata di Moldova a Roma alla quale ha preso parte una delegazione dell’US Acli. Presenti, l’ambasciatrice della Repubblica Moldova in Italia, Stela Stingaci e il Console onorario della Moldova, Roberto Galanti. Mentre  per l’USAcli, oltre al Presidente Damiano Lembo, presenti il vice presidente vicario Antonio Meola, dal presidente USAcli Liguria, Emiliano Cogni, e da Alberto Sanguineti dell'USAcli Chiavari.
Un accordo che vede l’Us Acli sempre più internazionale con la volontà di concludere nuovi accordi con altri Paesi. In quasi due ore di colloquio, durante il quale l’US Acli ha anche onorato i diplomatici moldavi con delle targhe dell’Ente, il Presidente Lembo ha presentato i servizi dell’Us Acli all’Ambasciatrice, che si è mostrata molto interessata al nuovo rapporto che sta per nascere. Stingaci ha ammesso di conoscere benissimo le Acli in quanto ci sono anche sedi in Moldova alle quali si rivolgono diversi suoi concittadini. L’obiettivo dell’accordo è quello di creare un collegamento con lo sport, per cui la possibilità di organizzare tornei di calcio e altri sport, oltre che fornire conoscenza per la formazione di tecnici e dirigenti.
L’Ambasciatrice moldava si è mostrata disponibile ad aprire qualsiasi tipo di rapporto sportivo con la possibilità di allargarlo anche in altri ambiti come la cultura: “I moldavi sono già molto integrati in Italia, ma mancava coprire il tempo libero, con sport, cultura e formazione”, afferma il Console onorario Roberto Galanti. “Dove c’è sport c’è cultura e sociale, è stato questo il nodo fondamentale dell’incontro”, prosegue Galanti, sottolineando che quello concluso ieri è “un accordo importantissimo e l’Ambasciatrice si è mostrata molto interessata. Si è parlato di tanti progetti da poter portare avanti insieme, sia in Italia che come scambio di conoscenze tecniche, sportive e culturali in terra moldava. Per me lo sport è un collante per tutto il resto, ciò che accomuna i popoli: tradizioni ce ne sono di molto simili tra Italia e Moldova, la stessa lingua è di provenienza latina”.
In occasione dell’incontro che si svolgerà a Roma domani, venerdì 15 dicembre, presso O3M - Associazione giovani moldavi in Italia, è stato invitato anche il Presidente dell’US Acli, Damiano Lembo, che avrà così modo di illustrare i programmi da poter condurre insieme e presenterà l’US Acli ai moldavi in Italia.

 

C.S.



lapp Latina Calcio