Satricum, presto il Museo

Pubblicato il:24-08-11

L’assessore alla cultura del Comune di Latina, Mario Mellacina, ha effettuato un sopralluogo nell’area archeologica di Satricum accompagnato dalla direttrice del gruppo di archeologi olandesi, che da più di trenta anni lavora sul sito, dott.ssa Marijke Gnade, e da un ispettore della Sovrintendenza per i beni archeologici. L’obiettivo della visita è quello di fare il punto della situazione per definire le modalità di apertura al pubblico del museo di Satricum, contenente i reperti emersi nel corso degli anni nel grande sito archeologico di Borgo Le Ferriere ed attualmente dislocati in appositi magazzini a Latina e Roma. “E’ precisa volontà dell’amministrazione comunale procedere entro breve tempo all’apertura del museo di Satricum a Le Ferriere – afferma l’assessore Mellacina – Si tratta non soltanto di uno dei più importanti musei protoromanici d’Italia ma anche di un enorme, potenziale volano sotto il profilo turistico. Ci sono diverse situazioni logistiche da sistemare prima di poter procedere all’apertura del museo e per questo stiamo strettamente collaborando con la Sovrintendenza, che ringrazio per la disponibilità. Si potrebbe, in ogni caso, già passare alla fase dell’allestimento, considerato che le apposite vetrine per alloggiare i reperti sono disponibili nella struttura individuata in loco per ospitare il mueso. Più in generale, però, intendiamo fare un ragionamento più ampio, capire cioè come inquadrare l’area museale e di scavi nell’ambito di un progetto turistico e di valorizzazione del territorio. Ci sono tutti i presupposti per far compiere all’area di Satricum un salto di qualità in termini di offerta culturale, in chiave storica e religiosa integrata con la Casa del martirio di S. Maria Goretti. Inoltre, se scavi e lavori decennali in aree come Satricum non vengono valorizzati per consentire a tutti di ammirare questi magnifici segni del passato, davvero si umilia un grande lavoro svolto con passione da decine di studiosi. A tal proposito – continua l’assessore Mellacinadesidero ringraziare la dott. ssa Marijke Gnade, che guida il gruppo di archeologi olandesi che da più di trenta opera nel territorio di Satricum, per il grande lavoro svolto in questi anni anche con grandi difficoltà e a prezzo di sacrifici spesso non indifferenti”. L’assessore Mellacina ha anche visitato i recenti scavi condotti all’interno dell’azienda vinicola Casale del Giglio, sempre a Le Ferriere a poche decine di metri da Satricum, in cui gli archeologi olandesi hanno portato alla luce i reperti di una città volsca, con annessa necropoli di cui sono già state scavate circa quaranta tombe: “Sono rimasto affascinato da questa nuova campagna di scavi che potrà dare importanti risultati sotto il profilo storico – continua l’assessore – Desidero ringraziare il dott. Antonio Santarelli, titolare dell’azienda Casale del Giglio, che ha sottratto un pezzo di terreno ai suoi vigneti per consentire la realizzazione della campagna di scavi. Si tratta di una collaborazione che va avanti da anni e che, sono convinto, porterà ulteriori, importanti sinergie. Ho inoltre raccolto l’accorato appello di Santarelli, già rivolto in via ufficiale alle competenti istituzioni, circa la sua preoccupazione per il destino dell’antico ponte sull’Astura all’ingresso del Borgo Le Ferriere, risalente alla fine del 1500. Il ponte sarà a breve interessato da lavori di ampliamento, a cura dell’amministrazione provinciale, al fine di garantire maggiore sicurezza e fluidità alla viabilità. Secondo Santarelli, e una rappresentanza dei residenti, tali lavori potrebbero comportare una eccessiva cementificazione, compromettendo irrimediabilmente l’antica struttura di questo sito di rilevante valore culturale. A tal proposito – conclude Mellacinami farò promotore di portare tale istanza all’attenzione della Provincia per approfondire la questione e trovare eventualmente una soluzione che, pur garantendo i necessari standard di sicurezza stradale, non rischi di compromettere in alcun  modo la struttura originaria dell’antico ponte”. 

Comunicato Stampa



lapp Latina Calcio