Boville Ernica, incontro su emergenza cardiovascolare

Pubblicato il:18-02-19

Si è svolto ieri, nella caratteristica cornice della Sala Consiliare di Corso Umberto I (Ex Chiesa Giovanni Battista) del comune di Boville Ernica, un incontro divulgativo, di informazione e prevenzione, su “L’Emergenza Cardiovascolare”. 
A promuovere l’evento i Giovani medici di Frosinone, giunti al loro quinto incontro in territorio provinciale, in collaborazione con l'associazione Misericordia di Monte San Giovanni Campano, sempre attiva in tema di salute e prevenzione, e patrocinato dallo stesso Ente municipale che ha ospitato il convegno. Presente, quindi, il Sindaco della città Enzo Perciballi che ha aperto i lavori, seguito dalla presentazione del Dott. Emiliano Arango e da una dettagliata disamina sull’argomento del Dott. Walter Vignaroli. A concludere l’incontro la delegazione dell’associazione della Misericordia, che ha messo in scena diverse simulazioni delle tematiche trattate, coinvolgendo la folta platea presente all’evento e sensibilizzandola ad una maggiore consapevolezza delle pratiche di primo soccorso e all’importanza della diffusione delle stesse, in ambito sociale, già in età scolare. 
Della stessa opinione il sindaco Perciballi, che ha così dichiarato: “La cultura del soccorso e del volontariato è alla base del vivere e questi incontri vanno promossi, ma soprattutto portati all’interno delle scuole, per far sì che i ragazzi, già da piccoli, inizino a maturare una cosciente attenzione alla vita. Sviluppare questa consapevolezza  permetterà loro una crescita più attenta, riflessiva e matura. È il contatto quotidiano con queste realtà che aiutano i nostri ragazzi: più che lasciarli soli su internet. Questo è il messaggio che da sempre ho cercato di diffondere e il mio prossimo obiettivo è di creare un contatto ancora più forte tra questa la pratica del volontariato nel sociale e la Scuola, incluse le scuole calcio, sensibilizzando i nostri ragazzi per evitare che possano intraprendere in futuro delle strade pericolose”.
Gli stessi medici e rappresentanti dell’associazione della Misericordia, durante l’incontro, hanno infatti ribadito più volte che la cultura del saper agire, in caso di emergenza, e il valore del volontariato debbano essere instillati, con particolare attenzione e delicatezza, sin da bambini. Accompagnando il percorso formativo con gli opportuni, approcci a seconda dell’età, l’apprendimento delle pratiche salvavita, piuttosto che una predisposizione al viver sano e lontani da cattive abitudini, verranno automaticamente da sé. Particolare scalpore, in tal senso, hanno suscitato nel pubblico le parole del Presidente della Misericordia di Monte San Giovanni Campano, Antonello Pisani, quando nell’esposizione delle pratiche di rianimazione ha precisato che per sviluppare nei bambini tali abilità, in pregresse occasioni, sono stati utilizzati degli orsacchiotti di peluche e di come tutto sia apparso loro come un gioco, ma che in futuro il gioco, piuttosto che le pratiche di volontariato maturate in età più adulta, abbiano permesso ad alcune volontarie presenti all’incontro, infermiere nella vita, di affrontare senza alcun disagio il tirocinio universitario. 
Nulla di nuovo per chi è già vicino a tali tematiche, ma che i medici, i volontari e lo stesso sindaco hanno intenzione di diffondere, ancora di più, nella già sensibile città dell’angelo di Giotto. 

 

Comunicato stampa



lapp Latina Calcio