San Felice Circeo, Oscar Ecoturismo 2019

Pubblicato il:08-03-19

Milano 8 marzo 2019 (Fiera Milano City) in occasione della 16° edizione di Fai La Cosa giusta, la più grande fiera nazionale del consumo critico e stili di vita sostenibili organizzata da Terre di Mezzo, Fondazione Cesare Serono e Legambiente conferiranno  l’Oscar dell’Ecoturismo 2019 al Centro Ferie Salvatore, gestore dello stabilimento Voglia di Mare a San Felice Circeo (LT), quale spiaggia più accessibile gestito da privati, ed al Comune di Monstesilvano (PE) nella persona del  Sindaco Francesco Maragno, per le due spiagge pubbliche “Spiaggia Libera Senza Barriere”.
Da anni Fondazione Cesare Serono con i suoi servizi cerca di rendere la vita dei disabili più “uguale” in nome delle pari opportunità e il progetto della videomappatura varato in collaborazione con Legambiente va esattamente in questa direzione. “L’Italia che stiamo scoprendo in questo nostro cammino – dice Gianfranco Conti, direttore di Fondazione Cesare Serono – è un’Italia che ci piace. Molto diversa da quella che recenti vicende sembrerebbero dipingere. Un’Italia non buonista ma intelligente. Un’Italia che ha capito che è possibile coniugare accoglienza e business”.
La Fondazione Cesare Serono, impegnata a favore dei soggetti più fragili, a partire dalle persone diversamente abili, da sempre si batte perché venga rispettato l’articolo tre della Costituzione (tutti i cittadini sono uguali e la repubblica deve rimuovere tutti gli ostacoli che impediscono la piena realizzazione della persona) e a tal fine negli anni ha varato varie e importanti iniziative. “Il censimento delle spiagge accessibili, continua Gianfranco Conti, è il logico proseguimento di vari progetti che Fondazione ha varato nel tempo per aiutare le persone diversamente abili a scegliere le offerte più consone al loro stato. I momenti di evasione sono importanti per tutti, da qui l’idea della mappatura multimediale delle spiagge accessibili”.
Il vantaggio di un sistema multimediale è immergere virtualmente il diversamente abile nel contesto che sta valutando e vedere strutture, personale e servizi è sicuramente un valore aggiunto che lo aiuta a scegliere in maniera più mirata e cosciente. “Rendere accessibile una spiaggia, o qualsiasi altro ambiente, non è solo una questione di strutture tecniche e/o di barriere architettoniche, dice Sebastiano Venneri, responsabile Territorio e Innovazione di Legambiente. Le barriere culturali sono le più difficili da abbattere e su questo terreno la sintonia con Fondazione Cesare Serono è totale”. Gli aspetti pratici, forse, sono i più semplici da risolvere. Le barriere culturali sono le più difficili da abbattere. Un diversamente abile non solo deve avere la possibilità di accedere alla spiaggia, ma deve anche sentirsi accolto, deve sentirsi a suo agio.
 “È proprio questo tipo di sensibilità che, con grande piacere, conclude Gianfranco Conti, abbiamo riscontrato sia a Voglia di Mare che nei due stabilimenti pubblici di Montesilvano”. “L’Oscar dell'Ecoturismo 2019 viene assegnato a Voglia di Mare a San Felice Circeo, aggiunge Sebastiano Venneri, per la sua lunga storia, l’innovazione, l’attenzione ai dettagli e per l’approccio accessibile, strutturale e mentale. Abbiamo deciso di premiare anche le spiagge libere di Montesilvano perché è uno dei pochi casi in Italia dove è il Comune che si prende carico nel rendere accessibile le spiagge e mette a disposizione tutto l’occorrente per garantire l'accesso in mare a persone con disabilità motorie in totale autonomia”.
 “Accogliamo con orgoglio il premio conferito, un riconoscimento che premia gli oltre trent'anni di attività del nostro Centro Ferie Salvatore”, dichiara Sabina Avagliano, responsabile del Centro. “Il premio è particolarmente apprezzato vista l’assegnazione di Città della Cultura della Regione Lazio 2019 assegnato  ai Comuni di San Felice Circeo, nella qualità di capofila, Ponza e Ventotene. Il Centro Ferie è frequentato da ospiti provenienti da tutta Europa e da molti altri Paesi del Mondo, ai quali offriamo i nostri servizi spinti da un principio di inclusione senza deroghe”.
Il Sindaco di Montesilvano Francesco Maragno parla del suo progetto. “Si tratta di un progetto eccezionale nella sua unicità. Il nostro Comune, a Montesilvano, ha fatto gestire la spiaggia per persone con disabilità a 7 ragazzi ospiti dello Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati). E’ diventato, così, un modello di doppia inclusione perché questi ragazzi, che spesso e volentieri vengono visti come un problema, nel nostro caso hanno trasmesso energia sensibilità ed empatia favorendo piena e vera inclusione a tutti i bagnanti con disabilità. In perfetta linea con quella seguita dal nostro Comune in questi anni, nei quali si sono combattuti pregiudizi e discriminazioni, facendo diventare la nostra città punto di riferimento nazionale sulla disabilità”.

 

Comunicato stampa



lapp Latina Calcio