Bollette TIA dilazionate in quattro rate

Pubblicato il:22-09-11

Latina . La bollettazione della tariffa rifiuti relativa al 2010 sarà dilazionata in quattro rate. E’ questo l’intendimento e la volontà politica dell’intera maggioranza consiliare (PdL, Udc, Città Nuove, Gruppo Cirilli e Lista Di Giorgi), che ribadisce una scelta che era già stata affermata nelle scorse settimane. L’attività degli appositi uffici prosegue come da programma tenendo conto che solo a fine giugno l’amministrazione comunale ha effettuato il passaggio a Tia2, riprendendo in carico la bollettazione per fare fronte alla mancata emissione delle bollette dei rifiuti per il 2010. “Vogliamo tranquillizzare i cittadini sul fatto che, nonostante i grandissimi problemi di bilancio dovuti ai tagli del Governo centrale, alla eredità di un anno di commissariamento e anche alla mancata emissione delle bollette da parte della Latina Ambiente – afferma Gianni Chiarato, presidente della commissione bilancio – l’amministrazione comunale ritiene prioritario, fondamentale venire incontro alle esigenze dei cittadini. Così come non saranno tagliati i servizi sociali, allo stesso tempo si farà in modo di non far gravare sulle famiglie la bollettazione ma rateizzando le bollette del 2010, non emesse dalla Latina Ambiente, in quattro soluzioni. Quindi entro poche settimane verranno emesse le prime bollette Tia per il 2010, ripeto con pagamenti rateizzati in quattro soluzioni. A seguire saranno emesse le bollette per il 2011, per le quali stiamo studiando soluzioni per ulteriori rateizzazioni. Questa è una precisa volontà di tutta la maggioranza e del sindaco Di Giorgi, in maniera compatta, e sarà evitato ogni rischio di accavallamento. Gli uffici comunali sono pronti per emettere le bollette, resta soltanto da mettere a gara il servizio di spedizione delle bollette poiché esso supera i 40mila euro. Anche qui voglio precisare – aggiunge ChiaratoNon è che il Comune non è in grado di emettere le bollette, come qualcuno dell’opposizione strumentalmente sta affermando, ma un conto è determinare gli importi, emettere e stampare le bollette, un altro, invece, è imbustare, francobollare e spedire le buste stesse. E’ proprio questo specifico servizio di imbustare e spedire, e solo questo, che il Comune affiderà all’esterno, fornendo l’apposito indirizzario”. Sulla polemica strumentale da parte del PD interviene anche il gruppo della Lista Cirilli, che esprime soddisfazione sulle scelte relative alla dilazione. “Il Pd continua a cavalcare il malcontento sui disguidi avvenuti in merito alla Tia per le bollette del 2010, dimenticando che hanno espresso voto contrario in consiglio comunale affinché questo servizio ritornasse sotto la gestione del Comune. Proprio in virtù di ciò è stato possibile dilazionare le bollette del 2010, diversamente i cittadini si ritroverebbero il debito già iscritto a ruolo e quindi notificata la cartella esattoriale. Inoltre è bene precisare che, così come abbiamo proposto e così come il regolamento prevede nel suo limite massimo, è possibile arrivare a dilazionare le bollette fino a sei rate previa presentazione di istanza motivata al Comune, che si riserverà di valutare l’eventuale rateizzazione”. L’Amministrazione, dopo aver proceduto alla totale presa in carico della emissione delle bollette, ha predisposto al meglio gli uffici presso palazzo Pegasol (in via Duca del mare) con le relative risorse umane.

Comunicato Stampa



lapp Latina Calcio