Precisazioni sull'incopatibilità dell'Avv. Mignano

Pubblicato il:15-10-11

In merito alla presunta incompatibilità, sollevata da rappresentanti del PD, da parte dell’avv. Mignano a ricoprire il ruolo che gli è stato attribuito nello staff del sindaco di Latina, si rileva che la stessa non sussiste. Dal 19 maggio del 2011, data di insediamento del sindaco Giovanni Di Giorgi, nell’ambito del riassetto organico del 1° settore si staff che ha inglobato anche parte delle funzioni della direzione generale, l’avv. Mignano è stato nominato, in virtù della sua provata esperienza e competenza, coordinatore dello staff del sindaco concordando che per tale incarico non avrebbe ricevuto alcun compenso e quindi non ci sarebbe stato alcun onere per l’ente. Tali funzioni, invece, nelle precedente consiliatura e, in parte, nella gestione commissariale, comportavano un esborso mensile per l’ente di oltre 15mila euro per le figure di direttore generale e capo di gabinetto. Si tratta di un notevole risparmio, di cui va dato atto  all’amministrazione nell’ambito della sua politica di contenimento della spesa. SI precisa inoltre che dal 1989 e fino al 2010 il suddetto professionista ha fatto parte, a più riprese, dello staff dei vari sindaci che si sono succeduti al governo della città, da Corona a Zaccheo passando per Mansutti, con l’opzione sempre di poter difendere l’amministrazione in tutte le controversie connesse al programma sindacale. – In forza di queste attribuzioni all’avv. Mignano sono stati assegnati quegli incarichi che sindaco e giunta ritenevano di conferirmi in relazione al suo ruolo. Così come è avvenuto nel passato, non è da escludere anche in questa consiliatura che possano essergli conferiti incarichi professionali dal Comune. Se incompatibilità non c’è mai sta dal 1989 ad oggi, quando è stato membro dello staff del sindaco, non si vede perché ci debba essere oggi che è coordinatore del medesimo a titolo, si ribadisce, completamente gratuito. Evidentemente i consiglieri del PD avrebbero preferito che l’amministrazione, contravvenendo alla politica di tagli alla spesa intrapresa da questa amministrazione fin dal suo insediamento, avesse invece conferito a una o più persone i ruoli che ricopre il professionista remunerandoli profumatamente. Infine si precisa che i crediti vantati dall’avv. Mignano verso il Comune di Latina sono relativi non a soli tre anni ma alle prestazioni maturati nell’arco temporale dal 1989 ad oggi e sono assolutamente in linea con i compensi percepiti dagli altri legali del Comune di Latina.


ANZALONE: “NEI PROSSIMI GIORNI VI FAREMO SAPERE
CHI SONO I VERI INCOMPATIBIL
I”
La vicenda sollevata dal PD circa la presunta incompatibilità dell’avv. Mignano nel suo ruolo di coordinatore dello staff del sindaco Di Giorgi, rivela una volta di più il carattere puramente strumentale delle posizioni del PD che si basano su elementi totalmente infondati, e una pochezza politica che è preoccupante per chi dovrebbe fare una opposizione costruttiva”. Lo afferma il capogruppo dell’UDC in Consiglio comunale, Mauro Anzalone, che aggiunge: “Sorprende che il PD, invece di fare una opposizione costruttiva, di proporre cose concrete per la città, preda tempo in polemiche sterili e infondate di presunte incompatibilità. Ai cittadini interessa risolvere i problemi e questo è dovere anche dell’opposizione. A questo punto, visto che si vuole davvero parlare di incompatibilità, nei prossimi giorni faremo sapere ai nostri cittadini chi sono veramente gli incompatibili con carte alla mano”.
 Capogruppo UDC

Comunicato Stampa



lapp Latina Calcio