L'Artigianato in terra pontina

Pubblicato il:06-05-12

 Nasce la prima guida per la costituzione di una impresa artigiana. Il lavoro, portato avanti dal Centro Studi "Giuseppe Toniolo", realtà culturale di emanazione della Confartigianato Imprese Latina, con il contributo della Camera di Commercio di Latina, nasce dall'esigenza di porre l'attenzione sull'artigianato in terra pontina, una realtà considerevole che conta il 21,1% di tutte le imprese attive in provincia.
Presentata in Comune, alla presenza del sindaco Giovanni Di Giorgi, del presidente della Confartigianato Imprese Latina Aldo Mantovani e del direttore provinciale Ivan Simeone, del vicesegretario generale della Camera di Commercio di Latina Domenico Spagnoli e dell'assessore provinciale alla cultura Fabio Bianchi. Sono intervenuti Rosanna Carrano (presidente di Confartigianato Donne Impresa), Angela De Tursi (Ufficio Credito di Confartigianato) e Maurizio Catone (commercialista e consulente di Confartigianato).
La guida è a cura di Ivan Simeone con i contributi di Angela De Tursi per l'area finanziaria, Salvatore Cartolano per le analisi territoriali, Maurizio Catone per l'area fiscale, Rosanna Carrano per l'imprenditoria femminile e Alessia Freda per le parti generali.
Tre le sezioni: quella iniziale, dove vengono esaminati la figura dell'artigiano e del "senso" del lavoro in generale; la seconda dove si analizza il tessuto artigianale pontino e la terza dove si vuole "condurre per mano" il giovane ad aprire un'attività d'impresa nel settore.
Il lavoro è stato reso possibile sia dall'utilizzo di dati camerali, della Confartigianato nazionale e da documenti, studi e analisi della Confartigianato di Latina, nonché da ricerche presso realtà istituzionali. Inoltre è stata fatta una ricerca diretta presso i comuni della provincia per cercare di far emergere esperienze e tipicità.
Secondo lo studio, sul nostro territorio le microimprese - fino ai 10 addetti - sono il 95% del totale, pari a 37.936. Quest'ultime salgono al 98,3% se si considerano le imprese fino a 20 addetti e al 99,5% se comprendiamo anche quelle fino a 50 addetti. Il peso delle attività artigianali nella provincia di Latina è di oltre il 16% del totale delle imprese iscritte alla CCIAA e vi è una incidenza sociale dell'artigianato pari a 1,8 imprese artigiane ogni 100 abitanti e 4,4 ogni 100 famiglie. Gli imprenditori artigiani in provincia sono 12.981, di cui 11.815 titolari e 1.166 collaboratori. Le imprenditrici artigiane, invece, sono 2.369, pari al 18,2% degli imprenditori. I giovani artigiani sotto i 35 anni sono 2.690.
Particolare attenzione è dedicata all'universo femminile. Il tasso di inattività delle donne nella provincia di Latina, suddividendolo per fasce d'età, è: nella fascia 15-24 anni del 77,9%; in quella tra i 25-34 anni del 37,6 %; in quella tra i 35-44 anni del 41,4%; in quella tra i 45 e i 54 anni del 42,9%. Il Lazio, rispetto alle altre regioni italiane, è al 12° posto per numero di donne occupate. Altresì, nel Lazio, i numeri legati all'imprenditoria femminile sono i seguenti: 7,9% il numero delle donne con cariche nelle imprese ogni 100 donne residenti; 19,1% è l'incidenza di donne con cariche nelle imprese artigiane sul totale delle cariche nelle imprese artigiane; 18,1% le donne occupate indipendenti su un totale delle donne occupate. Nella provincia di Latina, nel 2° trimestre 2010, abbiamo 2.274 donne con cariche nelle imprese artigiane e 1.347 donne titolari di ditte individuali artigiane.
La presenza femminile nella provincia pontina si concretizza in moltissimi settori: coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali; silvicoltura e utilizzo di aree forestali; industria del legno e prodotti del legno e sughero; fabbricazione di prodotti in metallo; fabbricazione di macchinari e apparecchiature; riparazione, manutenzione e istallazione di macchine; costruzione di edifici; lavori di costruzioni specializzati; commercio e riparazione di autoveicoli; trasporto terrestre mediante condotte. Significativa anche la presenza di donne imprenditrici in mestieri da uomini, che richiedono un certo tasso di specializzazione. A Latina il tasso di specializzazione nei mestieri maschili è di 55 su 100, una percentuale che vede un tasso del 50%.
Infine, riflettori puntati sull'artigianato artistico, inteso come sintesi tra tipicità, legame con il territorio, tradizione e processi innovativi. Nel Lazio, ma anche nella provincia di Latina, esistono esperienze aziendali artigianali di tutto rispetto, che lavorano con Paesi esteri ma che non sono conosciuti dal grande pubblico nostrano.
"L'artigianato non ruota solo intorno al ceramista o all'orafo; non è rappresentato solo dall'impagliatore di un tempo ma da moderne imprese, spesso all'avanguardia - afferma il direttore della Confartigianato Imprese Latina, Ivan Simeone - Nella provincia di Latina, alla luce della crisi del sistema della grande industria strutturatasi nel periodo della Cassa del Mezzogiorno, le micro imprese e le PMI sono le uniche realtà che possono "tenere in piedi" l'economia locale, se pur tra mille difficoltà, e cercare di offrire risorse e occupazione. Questo lavoro vuole aprire una finestra sul mondo dell'artigianato nella provincia di Latina e offrire un percorso a quanti vogliano scommettere sul proprio futuro puntando sull'imprenditorialità".

Comunicato Stampa



lapp Latina Calcio