Aeroporto di Latina,intervento di Nicola Calandrini e Stefano Galetto

Pubblicato il:29-08-12

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE
Non voglio entrare nel merito del confronto sull'aeroporto civile.
Su questo preciso solo che le infrastrutture si fanno quando esistono bisogni economici che le giustificano e Latina ha numeri importanti per giustificare interventi significativi nelle infrastrutture.
Intervengo invece su una questione di "principio". Sebbene non vada di moda, ma senza buoni principi non si hanno buoni fini.
Sono nato e cresciuto a Latina Scalo, dentro Latina Scalo (e dentro Latina) dove c’è una comunità, quella dei militari del Comani, che è presente qui sin dalla nascita di questa realtà di cui festeggiamo quest’anno gli 80 anni.
A questi nostri concittadini abbiamo anche dedicato un monumento nel centro direzionale .
Un monumento che non è retorico per me, ma ha un senso profondo di gratitudine.
Latina senza questa presenza, al pari di quella dei veneti, dei lepini, semplicemente sarebbe un'altra cosa.
Credo quindi che tutte le discussioni che vogliamo e dobbiamo fare sull’aeroporto civile non possono prescindere dalla scelta di tutelare e difendere questa presenza.
Il Comani non è una scatola vuota da riempire, è una realtà viva di Latina e di questa provincia.
Dalla nascita delle città c'è la base militare dell'aeronautica, come a Taranto o a La Spezia c'è la Marina.
Quindi ribadisco il mio punto fermo, a Latina c'è il Comani e la scuola di volo, con 700 famiglie che ci vivono, un servizio importante alla nostra comunita', e questa presenza intendo tutelare prima di tutto. Poi discutiamo a tutto tondo. Ma una municipalità che non conosce e difende la sua storia, che non ha gratitudine per un pezzo di se stessa è destinata a non fare tanta strada.
Colgo l’occasione per ringrazire gli uomini e le donne del Comani per il lavoro che fanno a tutela della nostra difesa.

Nicola Calandrini


Consigliere Regionale del Lazio
 “La realizzazione di uno scalo aeroportuale di linea a Latina sarebbe un eccellente volano di sviluppo economico, occupazionale e turistico del territorio”. “L’aeroporto Comani – spiega Galetto - offre delle condizioni molto vantaggiose su cui puntare, prima fra tutte la sostenibilità economica del progetto. Adeguare una struttura aeroportuale esistente per i voli di linea è certamente meno problematico che realizzarne una completamente nuova, per la quale occorrerebbero investimenti consistenti e non i linea con i parametri economici attuali”. “Occorre inoltre considerare – prosegue Galetto - la collocazione strategica dell’impianto rispetto ai collegamenti stradali, considerando anche che siamo alla vigilia della realizzazione della nuova Roma-Latina, e ferroviari sia in direzione Roma che in direzione Napoli, condizione cha agevolerebbe non poco il congestionamento di scali quali Roma Fiumicino e Roma Ciampino”. “I turisti inoltre potrebbero cogliere l’occasione di visitare anche il nostro territorio e le sue bellezze sia marittime che collinari: ciò rappresenterebbe una grande occasione di promozione turistica sia per Latina che per il resto della provincia”. “Non bisogna dimenticare – precisa Galettoche già nel 2001 i militari dichiararono compatibile la loro attività di addestramento con lo scalo di voli di linea o commerciali”. “La scuola di volo dell’Aeronautica Militare ha rappresentato, e rappresenta, una risorsa economica e valoriale importante per la città di Latina. L’eventuale apertura ai voli civili dell’aeroporto non deve intendersi come un invito ai militari a lasciare la struttura, anzi la coesistenza delle due attività sarebbe positiva”. “Dal momento che i fondi per la realizzazione dello scalo di Viterbo sono stati revocati per l’eccessiva onerosità degli investimenti richiesti, Latina può cogliere una nuova opportunità di crescita infrastrutturale”. “La precedente Guinta Regionale – prosegue Galetto – inserì nelle “Linee guida del Piano Regionale della mobilità dei trasporti e della logistica” l’aeroporto di Latina come una delle strutture adatte al transito di voli di linea e, ad oggi, l’attuale Giunta di centrodestra non ha modificato i contenuti del documento”. “Ritengo pertanto – conclude Galetto – che vi siano tutte le condizioni di fattibilità per realizzare uno scalo civile presso il Comani di Latina, un’opera da cui trarrebbe beneficio l’intera collettività”. 
On. Stefano Galetto – 

G.P



lapp Latina Calcio