Latina Scalo sott'acqua

Pubblicato il:20-11-10

E’ con enorme dispiacere che dobbiamo denunciare ancora, per l’ennesima volta, la situazione del comparto di via Gorgia, via del Gladiolo e via Millefoglio e del comparto della I traversa di via dell’Olmo. Strade che con il maltempo e le buche diventano praticabili. Una situazione paradossale che solo a Latina si poteva verificare. Queste sono zone residenziali dove si sono rilasciate decine di licenze edilizie sia per condomini che per villette. I proprietari hanno regolarmente pagato gli oneri di urbanizzazione ma l’amministrazione non si è mai attivata per realizzare le opere necessarie. In sintesi hanno incassato i soldi ma non li hanno investiti per realizzare la strada, i marciapiedi e l’illuminazione come la legge e il buon senso vorrebbe. E ancora peggio le strade dove passano i residenti per raggiungere le proprie case sono tuttora oggi private. Il comune non ha pensato nemmeno ad espropriarle. In pratica l’unica preoccupazione è stata rilasciare le licenze edilizie e incassare gli oneri di urbanizzazione. Nessuno ha pensato alle esigenze e, prima ancora, ai diritti dei cittadini.Ci sono politici, dell’ormai ex maggioranza di centrodestra, che per non riconoscere le proprie colpe dicono che ci sono situazioni urbanistiche irrisolte a causa di “una politica urbanistica sbagliata calata dall’alto e dai scarsi fondi degli enti locali”. Peccato che i cittadini che vivono in queste zone hanno regolarmente pagato gli oneri di urbanizzazione e quindi i soldi c’erano, ma l’amministrazione comunale li ha ingiustificatamente utilizzati per altre cose. Morale della favola dopo 10 anni questi cittadini non hanno ancora una strada degna di questo nome.
La verità è che il centrodestra non è stato capace di organizzare un piano di crescita urbanistica della nostra città ed ora cerca di scaricare le colpe su presunte leggi urbanistiche calate dall’alto. Ma mentono, sapendo di mentire. Ci dicano questi signori come mai nel vicino comune di Sermoneta non c’è nessuna situazione come questa nonostante l’espansione urbanistica sia stata “perlomeno uguale” a quella di Latina Scalo? Per loro non valgono le stesse leggi? Noi del PD abbiamo scritto al commissario prefettizio descrivendo il problema, il commissario ci ha ricevuti e ci aveva rassicurati sul fatto che si sarebbe attivato per cercare di risolvere il problema. A distanza di circa 6 mesi, nonostante la buona volontà dei dirigenti comunali, ci è stato risposto che causa la mancanza di fondi comunali non è possibile intervenire. Noi del PD pur capendo le ragioni di bilancio, dato che conosciamo benissimo come sia stata mal amministrata dal centrodestra questa città, non possiamo che stare dalla parte dei cittadini e quindi li aiuteremo e appoggeremo in tutte le iniziative che vorranno intraprendere per far rispettare i propri diritti contro una politica che ha guardato solo agli interessi di pochi a discapito dei diritti di molti.

Fabrizio Porcari



lapp Latina Calcio