Funerali a Lamezia Terme

Pubblicato il:07-12-10

LAMEZIA TERME (CATANZARO) - E' iniziata con un lungo applauso, in uno stadio D'Ippolito gremito da migliaia di persone, la cerimonia funebre collettiva dei sette ciclisti travolti e uccisi domenica scorsa da un giovane extracomunitario a bordo di un'auto sulla statale 18 a Lamezia Terme.
I feretri sono stati portati a spalla, preceduti da un gruppo di ciclisti che hanno fatto ala fino all'arrivo sul palco verde dove sono state sistemate le bare. Scene strazianti all'arrivo dei parenti delle vittime che sono assistiti dal personale della Croce Rossa e delle organizzazioni di soccorso. Presenti nello stadio numerose scolaresche e molti cittadini, tanti gonfaloni delle principali istituzioni locali e regionali, di associazioni e istituti scolastici. Tra tutti il gagliardetto della scuola media Giovanni Nicotera dove insegnava una delle vittime, Fortunato Bernardi.
Presente anche la squadra del Cosenza Calcio in cui gioca uno dei figli di Bernardi, Alessandro. Sulle reti che delimitano il rettangolo verde anche un grande striscione con su scritto "Vi hanno strappato dalla terra nessuno vi strapperà dai nostri cuori". La messa è celebrata dal vescovo di Lamezia Terme, mons. Luigi Cantafora, coadiuvato dai sacerdoti delle parrocchie delle zone di residenza delle vittime e da altri religiosi della diocesi.
AGGRAVATE CONDIZIONI DI UNO DEI FERITI - Si sono aggravate le condizioni di Domenico Strangis, uno dei tre ciclisti rimasti feriti domenica. Strangis, che è il più grave dei feriti, è ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Cosenza. Ieri sera è stato sottoposto ad un nuovo intervento chirurgico ma da stamane le sue condizioni sono peggiorate. Non corrono nessun pericolo di vita, invece, Fabio Davoli, ricoverato nell'ospedale di Catanzaro, e Gennaro Perri che si trova ricoverato nel nosocomio di Lamezia Terme.
OMELIA VESCOVO, NON E' TEMPO DI PUNTARE DITO - "Non è questo il tempo di puntare il dito o di cadere nei luoghi comuni. Piuttosto, chiediamo al Signore di saper accogliere la sua luce che viene dall'alto". E' quanto ha detto il Vescovo della diocesi di Lamezia Terme, mons, Luigi Antonio Cantafora, nel corso dell'omelia ai funerali collettivi dei sette ciclisti morti domenica sulla statale 18. Nell'incidente sono morti Rosario Perri, di 55 anni; Francesco Stranges (51); Vinicio Puppi (48); Giovanni Cannizzaro (58); Pasquale De Luca (35), Domenico Palazzo (46), Fortunato Bernardi (58). Sono rimasti feriti Gennaro Perri, Fabio Davoli e Domenico Strangis.
"La ragione - ha aggiunto mons. Cantafora - cerca risposte, il cuore cerca risposte, la fede cerca risposte. E' solo alla luce di Gesù, il crocifisso risorto, che noi possiamo capire anche le vicende di persone che hanno sofferto, come Giobbe che non se la prende con nessuno ma entra nel mistero. Noi abbiamo sempre bisogno di capire le dinamiche, spiegare le cause di fatti così terribili, attribuire le colpe: e quindi è cominciata la ridda di sentimenti contrastanti e di sfoghi legittimi". "Ma davanti a questi nostri fratelli, davanti al dramma della vita e della loro morte - ha detto il Vescovo - le domande si fanno più profonde, le domande cercano risposte, oltre che in noi soprattutto nella parola di Dio. Davanti alla morte noi restiamo attoniti; davanti a queste morti siamo inermi e profondamente rattristati. Eppure, pur nelle modalità terribili con cui la morte talvolta accade, apriamoci al mistero di Dio. La morte non è l'ultima parola ma è stata attraversata dalla vita per sempre". "Nel cuore della domenica - ha concluso mons. Cantafora - la notizia dell'incidente di questi nostri fratelli ci ha travolti, ha gettato tutta la città in un turbine di dolore. Ha parlato al cuore di tutti gli uomini e di tutte le donne d'Italia. Che possiate tutti, anche i ciclisti feriti, sentire la preghiera e l'affetto della Chiesa e il sostegno giusto e generoso della società civile. Possa Lamezia Terme distinguersi per la benevolenza e l'amore, per il perdono, per il suo alto senso civico e la pace".
MESSAGGIO PAPA,VICINO A FAMIGLIE E COMUNITA' - "Il Sommo Pontefice desidera esprimere il suo profondo cordoglio e assicurare spiritualmente vicinanza ai familiari e all'intera comunità, tutti fortemente provati per perdita propri cari ed affida le anime dei fratelli defunti a materna intercessessione Beata Vergione Maria ed invia di cuore confortatrice benedizione apostolica". E' il telegramma che il Papa Benedetto XVI, per tramite del segretario di Stato Tarcisio Bertone, ha inviato al funerale dei sette ciclisti uccisi domenica mattina a Lamezia Terme in un incidente stradale. Il telegramma è stato letto dal vescovo di Lamezia Terme, mons. Luigi Cantafora, che ha celebrato la messa.
MODENA - Un tredicenne in bicicletta, L.C., e' stato travolto e ucciso da un'auto Audi a Finale Emilia, nel modenese. E' accaduto nel tardo pomeriggio, all' incrocio tra via Statale per Modena e via Monecatti. Inutile l'intervento dei sanitari del 118; i rilievi sono stati eseguiti dalla polizia municipale.

Ansa.it



lapp Latina Calcio