Incendi boschivi, linee guida della Protezione Civile

Pubblicato il:17-02-11

 Il Capo Dipartimento di Protezione Civile ha inviato a Regioni e Ministeri le indicazioni operative per le attività di previsione, prevenzione e lotta attiva agli incendi boschivi
Comincia il periodo di attenzione per l'inverno-primavera 2011 relativo agli incendi boschivi. E' iniziato il 14 febbraio e durerà fino al 30 aprile 2011. Le previsioni meteorologiche per il breve e medio termine e i modelli di stima delle condizioni di suscettività agli incendi boschivi indicano infatti l'instaurarsi di condizioni favorevoli all'innesco degli incendi su tutto il territorio nazionale e in particolare nelle regioni  settentrionali. Negli ultimi giorni sono inoltre aumentate le segnalazioni di incendi e le richieste di concorso aereo della flotta dello Stato. In vista di questo periodo di attenzione e sulla base delle competenze delle Regioni e delle Province Autonome nelle attività di previsione, prevenzione e lotta attiva agli incendi boschivi, il Capo Dipartimento della Protezione Civile ha inviato una serie di indicazioni operative alle Regioni, ai Ministeri competenti, all'Uncem - Unione Nazionale Comuni, Comunità, Enti Montani e all'Anci - Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.
In particolare, si invita a:
    * Mettere in campo ogni azione di carattere preventivo per la riduzione del rischio di innesco e propagazione degli incendi boschivi, in particolare nelle fasce perimetrali delle zone antropizzate, delle infrastrutture strategiche e della rete viaria. Il rischio d' innesco può essere ridotto minimizzando la massa combustibile e realizzando fasce di salvaguardia, nel rispetto del patrimonio forestale e del paesaggio;
    * Assicurare supporto all'elaborazione e all'adozione dei piani comunali o intercomunali di protezione civile, provvedendo ad allertare i sindaci e ad assicurare il costante flusso delle comunicazioni con le strutture locali in caso di evento, per consentire di attivare le misure di presidio del territorio, garantire l'informazione alla popolazione e prestare la prima assistenza eventualmente necessaria;
    * Garantire un costante collegamento tra le Soup - Sale Operative Unificate Permanenti e le Sale operative regionali e il necessario raccordo con il Coau - Centro Operativo Aereo Unificato e la Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile, ai fini, rispettivamente, della richiesta di concorso aereo e del costante aggiornamento sulla situazione a livello regionale.
Per quanto riguarda la flotta antincendio, sul territorio nazionale sono al momento schierati sei Fire Boss e tre elicotteri pesanti S64. A questi si aggiungono i tre elicotteri medi dell'Esercito Italiano, i due elicotteri AB412 dei Vigili del Fuoco e i due AB212 della Marina Militare. A partire dal 18 febbraio torneranno progressivamente ad essere operativi anche sei Canadair. Lo scorso 8 febbraio è stato firmato infatti il contratto con la nuova società vincitrice della gara per l'assegnazione della gestione dei Canadair.

comunicato stampa



lapp Latina Calcio