Latina, inizia la stagione di prosa con il Puccini di Albertazzi

Pubblicato il: 05-11-12

Si apre domani sera al teatro “D’Annunzio” di Latina la stagione di prosa promossa dal Comune di Latina in collaborazione con l’ATCL e il Teatro Ghione di Roma.
Alle ore 21,00 andrà in scena l’atteso “Puccini”, con Giorgio Albertazzi nei panni del grande compositore. Per il secondo anno consecutivo sarà dunque Albertazzi ad aprire la stagione di Latina, che si articolerà in otto spetaccoli per un cartellone di ottimo livello.
Il “Puccini” è un omaggio al grande compositore e alle sue opere immortali    
che ci restituiscono ancora oggi un teatro modernissimo. Ma è anche un omaggio ad Albertazzi, al grande attore e all’intensità delle sue straordinarie doti drammatiche.
Lo spettacolo è un riuscitissimo mix di musica e parole, di lirica e prosa, con un insolito Albertazzi nei panni di Puccini che ci fa rivivere tutti i momenti più salienti di una vita artistica e sentimentale sempre vissuta al limite dell’incredibile. Dove le due vite a tratti si mescolano approdando ad un livello di pathos di straordinaria grandezza. Tutto questo mentre le magnifiche voci dei tenori e dei soprani ripercorrono l’intera produzione pucciniana, da Bohéme a Tosca, dalla Manon Lescaut al Gianni Schicchi e alla Turandot.
Nel corso dello spettacolo saranno cantate arie dalle diverse opere:   
 
“Vissi d’arte, vissi d’amore” da Tosca
“O soave fanciulla” da Boheme
“Recondita armonia” da Tosca
“Signore ascolta” da Turandot
“E lucevan le stelle” da Tosca
“Quando m’en vò” da Boheme
“Che gelida manina” da Boheme
“Un bel dì vedremo” da Madama Butterfly
“Nessun dorma” da Turandot
“Con onor muore Butterfly” da Madama Butterfly
“Mi chiama Mimì” da Bohème
“Sola, perduta, abbandonata” da Manon Lescaut
 
                                                     
SCHEDA TECNICA  
“PUCCINI”

di e con Giorgio Albertazzi
regia Giovanni de Feudis
con Emy Bergamo, Stefania Masala, Giovanna Cappuccio
e con
Fabiola Trivella (soprano)
Maria Carfora (soprano)
Jeon Sangyong (tenore)
orchestrazione Luca D\'Alberto
scene Andrea Bianchi

Comunicato Stampa