Ferentino, intitolata a Bellusci la Sala Conferenze

Pubblicato il: 28-12-13

Venerdì 27 dicembre, cerimonia d’intitolazione della sala-conferenze, presso la Casa della Pace, al dott. Ugo Bellusci, medico e Uomo di Pace. Questa, la scritta sulla targa-omaggio a un illustre concittadino, esempio etico per molte generazioni per il suo alto senso e impegno civico.
Alla sentita e partecipata cerimonia sono stati presenti, oltre i tre figli, la consorte, signora Giuliana, commossa per gli attestati di stima e affetto, che in molti hanno riportato ai partecipanti, con aneddoti, episodi, vicende, brevi storie di vita vissuta intensamente, nell’adoperarsi come medico ma anche nella comunità come in politica, sempre cordialmente disponibile verso tutti.
Ricordi che hanno ripercorso la storia della vita di Ugo Bellusci, figlio di Giuseppe, esponente mazziniano e membro della Costituente; tra i più giovani laureati in medicina a soli ventidue anni; a fianco dei partigiani e coraggiosamente attivo lui stesso in nome della libertà; medico sportivo alle Olimpiadi di Helsinki nel 1953; interessato e attivo nell’organizzazione sanitaria, presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi di Frosinone, primario del nosocomio di Ferentino, proponendolo quale organizzato, efficiente e apprezzato Ospedale di zona. E allo stesso tempo impegnato in politica, eletto consigliere nel primo Consiglio Regionale del Lazio con esperienze da assessore. Testimonianze ed episodi drammatici, che lo riportano nel suo innato dinamismo al servizio degli altri, nel ripercorrere le terribili giornate dei rastrellamenti durante l’occupazione tedesca, le sofferenze e le privazioni della popolazione, i tragici bombardamenti anglo-americani del maggio del 1944, la ricerca affannosa dei corpi, sotto i cumuli di macerie, il disperato ritrovamento di sopravvissuti, le prime cure, la rimozione di schegge, gli immediati bendaggi, le Carceri di s. Ambrogio trasformate in precarie corsie ospedaliere.
Il sindaco, Antonio Pompeo: Un significativo ricordo e doveroso omaggio a una grande personalità, da tutti ricordato per la sua grande professionalità e moralità, la sua integrità morale, il suo essere un uomo perbene, il suo “sentirsi bene con i più deboli”, il suo costante impegno come medico e chirurgo nella sanità pubblica. Il dottor Ugo Bellusci rimarrà un riferimento obbligato per tutti quelli che intendono intraprendere un percorso di crescita culturale-politica in riferimento alle sue scelte politiche a difesa dei valori della Costituzione.

Comunicato Stampa