Ferentino, un uomo di nome Ambrogio

Pubblicato il: 10-05-15




Mercoledì 13 c. m., alle ore 11, presso la sala multimediale dell\'ITIS Morosini di Ferentino, sarà proiettato il film: \"Un uomo di nome Ambrogio\", scritto e diretto da Fernando Popoli, prodotto dall\'associazione culturale Atelier Lumiere nel 2005. A dieci anni della sua realizzazione, il film, della durata di 30\', girato nei luoghi storici della vicenda, interpretato da Enrico Pro, Luca Simonelli, Francesca Quadrozzi, Luigia Giannitti, Gianluca Volpari, da tanti altri bravi attori ciociari e da oltre cento generici e comparse, viene proposto agli studenti dell\'ITIS per ricordare il martirio del Santo patrono della città di Ferentino. Alla manifestazione parteciperà anche S. E. Mons. Ambrogio Spreafico che terrà una lezione sui martiri di ieri e di oggi e dialogherà con i giovani su questo tema quanto mai attuale in questo periodo di persecuzioni contro i cristiani nel mondo.
I risultati di questo film, ha detto il regista, sono stati stupefacenti, è stato premiato con l\'Oscar del Cinema Indipendente dall\'associazione Anoci come miglior film religioso e alla Mostra del Cinema di Sora per il commento musicale, del maestro Marco Grande. Alla prima all\'Auditorium delle Terme parteciparono oltre cinquecento spettatori. Ne sono state distribuite centinaia di copie e, caricato sulle grandi piattaforme di video-sharing, ha totalizzato migliaia di visioni. I costumi di epoca romana e le ambientazioni in luoghi storici ricreano perfettamente quel clima e quelle situazioni drammatiche nella vicenda che vide la decapitazione di Ambrogio, già centurione romano poi convertitosi al cristianesimo, all\'epoca dell\'imperatore Diocleziano. Il suo martirio e la sua fede restano una testimonianza di grande valore morale e religioso.

C.S.