Latina, dopo i Cannoni il Silenzio

Pubblicato il: 12-02-16

A conclusione della mostra storica “ Dopo i cannoni il silenzio – i ragazzi del ’99 : storie di giovani soldati” esposta a palazzo M, in corso della Repubblica a Latina, la Federazione del Nastro Azzurro di Latina, la Herald Editore e la Scuola Nautica della Guardia di Finanza di Gaeta, possono ritenersi soddisfatti per il successo che questa ha ottenuto in campo provinciale. Grande impegno è stato dato alla raccolta e all’esposizione della documentazione storica, che la dottoressa Isadora Medri ha curato con particolare meticolosità.
La rassegna è stata inaugurata il 29 gennaio con una tavola rotonda che ha voluto presentare la mostra storica ma soprattutto porre l’attenzione sul tema centrale del progetto di ricerca che sottende l’allestimento; la chiamata alle armi dei ragazzi del ’99 e, dunque, il vasto fenomeno della mobilitazione di quanti, non ancora diciottenni, si trovarono a dover affrontare l’orrore della Grande Guerra.
Davanti a una platea numerosa e attenta, un lungo excursus storico impreziosito da vicende uniche per non dimenticare, a distanza di un secolo, i tragici eventi che hanno cambiato per sempre la storia mondiale.
Dettagliati sono i passaggi che l’editore – Dott. Roberto Boiardi spiega all’assemblea attenta e curiosa, il risultato delle tracce tangibili rimaste sulla carta che diventano memoria collettiva.
Una particolare lezione dal titolo “La storia sociale di un trauma collettivo – Nuove fonti e nuovi metodi, tra le lettere e audiovisivi” è stata presentata dal Prof. Paolo Mattera – Docente di storia contemporanea all’Università di Roma tre che ha aperto la presentazione del lavoro svolto dalla D.ssa Medri e curato editorialmente dalla Herald HE Editore di Roma.
Il Presidente Provinciale del Nastro Azzurro – Stefano Millozza, raccogliendo con soddisfazione il lavoro fortemente voluto e accuratamente preparato, ha manifestato grande apprezzamento per la presenza di molti istituti scolastici e dei loro insegnanti. La collaborazione attiva della Scuola Nautica della Guardia di Finanza di Gaeta, ha contribuito a spaziare sapientemente all’interno del 1° Conflitto Mondiale e dare al visitatore una più ampia visione dei compiti istituzionali del Corpo nel  periodo della 1a Guerra Mondiale.
Nell’aprire il volume dedicato alla memoria dei ragazzi del ’99, il Presidente Millozza, non ha dimenticato di commemorare i tanti caduti in terra pontina e gli eroi che ancora “ragazzini” sacrificarono la loro esistenza per la Patria. Vivo apprezzamento è stato manifestato da tutti i visitatori della mostra, terminata il 7 febbraio u.s., della presenza sul luogo delle volontarie della CRI, rappresentata costantemente dalla nostra Presidente del Comitato delle Dame – S.Ten. (V) CRI Silvia Zagni e dell’Ispettrice Capo Carmen Mauceri.



C.S.