Uto Ughi riceve il Premio Cicognini

Pubblicato il: 18-03-19

Al Maestro Uto Ughi è stato consegnato il “Premio Internazionale Cicognini” dal maestro Davide Cavuti, direttore del “Centro Ricerche e Studi Nazionale Cicognini”; il premio è nato per omaggiare il compositore abruzzese Alessandro Cicognini simbolo della musica da film, autore delle colonne sonore dei film “Sciuscià”, “Ladri di biciclette”, entrambi diretti da Vittorio  De Sica e vincitori del Premio Oscar come miglior film straniero, e di altri capolavori della cinematografia come “Umberto D.”, “Miracolo a Milano”, “Il giudizio universale” sempre di De Sica, “4 passi fra le nuvole”, “Prima comunione” di Alessandro Blasetti e di film diretti da Comencini, Steno, Monicelli, Mastrocinque, etc

Al termine del concerto tenutosi al Teatro Sirena di Francavilla al Mare (città in cui visse il Maestro Cicognini) , il Maestro Uto Ughi ha ricevuto il riconoscimento, che fu vinto nel 2017 dal maestro Ennio Morricone, per la sua straordinaria carriera: il Maestro Ughi ha ricordato il gesto estremo del compositore Cicognini, il preferito di Vittorio De Sica, di gettare tutti i suoi spartiti nel fiume Aniene, lodando le sue opere per il cinema, vere e proprie perle compositive che hanno segnato un’epoca e proiettato il cinema italiano a livello internazionale.

“Il Maestro Cicognini è stato un compositore oltre che di cinema anche di opere sinfoniche e liriche. Il gesto di ritirarsi dal mondo della celluloide nasce dalla consapevolezza che il suo desiderio che il cinematografo potesse sostituire il melodramma non si avverò mai e, a fine anni sessanta, decise di liberarsi di tutte le sue partiture gettandole nel fiume Aniene: il Premio Internazionale Cicognini al Maestro Uto Ughi celebra una icona della musica internazionale e lo unisce ad un genio della musica da film che ha segnato la storia della cinematografia.” 

Una serata unica con le note di uno dei più grandi musicisti del mondo che hanno riecheggiato al Palazzo Sirena di Francavilla al Mare: il maestro Uto Ughi ha regalato emozioni al pubblico (teatro sold-out da settimane) alternando nelle sue esecuzioni il violino “Guarneri del Gesù” del 1744 con lo “Stradivari” del 1701 denominato “Kreutzer” (perché appartenuto all’omonimo violinista a cui Beethoven aveva dedicato la famosa Sonata  eseguita nella prima parte del concerto): il programma del concerto ha offerto opere composte da autori quali Fritz Kreisler, Ludwig van Beethoven, Camille Saint-Saëns, Manuel de Falla, Pablo de Sarazate. Il pubblico ha salutato il maestro Ughi, che per l’occasione si è esibito con il Maestro Bruno Canino al pianoforte, con una standing-ovation alla fine della performance per l’appuntamento clou della Stagione teatrale diretta da Davide Cavuti.

Le note composte dal Maestro Cicognini hanno arricchito oltre trecento film che hanno lasciato un segno indelebile nella storia del grande schermo in Italia e all’estero con protagonisti gli attori Gino Cervi, Fernandel, Peppino De Filippo, Totò, Marcello Mastroianni, Sophia Loren, Gina Lollobrigida, Anthony Quinn, Kirk Douglas, Clark Gable, Katharine Hepburne e molti altri ancora. 

Il “Centro Ricerche e Studi Nazionale Alessandro Cicognini” (CRESNAC) intitolato al celebre compositore abruzzese è nato nel 2011 per volontà del maestro Davide Cavuti. Il progetto di riscoperta e divulgazione delle opere del Maestro Cicognini ha coinvolto molte stelle del cinema e della cultura tra cui Ennio Morricone, Luis Enriquez Bacalov,  lo sceneggiatore Enrico Vanzina, gli attori Michele Placido, Sergio Rubini, Ugo Pagliai, Lino Guanciale, Edoardo Siravo, Giorgio Pasotti, Pino Ammendola, i cantanti Fabio Concato, Peppe Servillo, Antonella Ruggiero, i compositori Umberto Scipione, Patrick Djivas (PFM), gli indimenticati Giorgio Albertazzi, Pasquale Squitieri, Manuel De Sica e Stelvio Cipriani che hanno offerto la loro collaborazione per ricordare un grande figlio della nostra terra. 

Il “Centro Ricerche e Studi Nazionale Alessandro Cicognini” (CRESNAC) realizza e promuove il “Festival Cicognini” e il “Premio Internazionale Cicognini” e collabora con prestigiosi Enti quali il “Centro Sperimentale di Cinematografia” e la “Cineteca Nazionale” di Roma, il “Conservatorio G. B. Pergolesi” di Fermo, il “Conservatorio G. Verdi” di Milano, “Mediaset”, “Rai Teche”, “Istituto Luce”, “Agiscuola”. Il “CRESNAC”, nel corso degli anni, ha collaborato a numerosi progetti cinematografici, discografici e teatrali tra i quali il disco “I Capolavori di Alessandro Cicognini” (2014), lo spettacolo “Sciuscià e altre storie” (2015) interpretato da Michele Placido, il film “Un’avventura romantica” (2016) presentato alla 73ª “Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia”, il cine-concerto “De Sica/Fellini in musica” (2017), il cine-concerto “Sole lucente” (2018) con Antonella Ruggiero.  

 

 

 

 

Comunicato stampa