Contador va gia\' forte

Pubblicato il: 18-02-10

Prima gara e primo attacco di Alberto Contador alla \"Volta ao Algarve\". Un colpo di fioretto che ha lasciato il segno. Lo scatto di Contador, infatti, ha frantumato il gruppo, tagliando fuori gli sprinters dalla vittoria. A due chilometri dall’arrivo si profilava la volata di gruppo. Greipel, McEwen, Hushovd, Haussler erano pronti a graffiare. La Columbia, che puntava su Greipel, aveva appena annullato una fuga di quattro coraggiosi - Baugnies, Sabido, Lopes, Pineiro - scattati al via. La battaglia per prendere le posizioni era in corso, quando, ai piedi di uno strappo di 60 metri di dislivello al 6-7% è scattato Contador. Ha fatto il vuoto. E’ scollinato con 50 metri di vantaggio. In discesa il gruppo si è avvicinato, risucchiandolo allo striscione dell’ultimo chilometro. Horrach ha attaccato. Benoit Vaugrenard - il miglior francese degli ultimi anni nelle Ardenne, Liegi-Bastogne-Liegi e Amstel - ha risposto agli ottocento metri e ha vinto con 3\" su Horrach e 5\" su Greipel, l’unico dei velocisti a salvarsi sul colpo di scimitarra di Contador.\"Il marche deja\", \"Va già forte\", ha detto di lui Vaugrenard, che lo ha visto meglio di chiunque altro. \"Ha avuto sensazioni buone, inutile negarlo. Sa di aver lavorato bene\", ha detto Giuseppe Martinelli, al giorno d’esordio sull’ammiraglia dell’Astana. Contador ha corso con l’auricolare, seguendo i consigli di Martinelli. \"Mi raccomando dimmi quando cambia il vento\", gli ha detto lungo la tappa. Tirava il vento dell’oceano sotto un cielo di nubi, ma Contador è sempre rimasto davanti. L\'attacco non era programmato: \"No, non era studiato - dice Contador - ma mi sono trovato davanti e ci ho provato. In certe cose decide l\'istinto\". Contador è stato sempre circondato dalla sua guardia. Soprattutto Noval è stato la sua ombra. E’ piaciuto Samuel Sanchez, l’olimpionico di Pechino che ha detto di seguire con passione i Giochi di Vancouver, \"soprattutto il fondo, uno sport che ho praticato da bambino a Val Grande Pajares nelle Asturie\". Domani si parte da \"Cabo de sao Vicente\", la \"Fim do Mundo\", dove finisce la terra e davanti ai grandi navigatori portoghesi si apriva l’oceano infinito. Davanti alle ruote di Contador quattro tentazioni, quattro gran premi della montagna nella Serra de Monchique. Ordine d’arrivo1ª tappa del giro dell’Algarve Faro-Albufeira, 157,5 km: 1. Vaugrenard Benoit (Fra) 4.10.42, 2. Horrach (Spa) a 3\", 3. Greipel (Ger) a 5\", 4. Ladagnous (Fra), 5. Nuyens (Bel), 8. Haussler (Ger), 9. Samuel Sanchez (Spa).

gazzetta.it