Lampre, male in Belgio e bene in Spagna

Pubblicato il: 27-03-11

La Lampre-ISD si era schierata al via della Gand-Wevelgem con buone ambizioni di ottenere un piazzamento di riguardo, potendo contare su corridori veloci e adatti alle strade del Belgio quali Bole e Hondo.
Entrambi gli atleti blu-fucsia, però, hanno dovuto fare i conti con episodi che non hanno consetito loro di far valere le rispettive potenzialità.
Bole (foto d'archivio) si è ritrovato per terra dopo 60 km di corsa, riportando una ferita alla mano che lo ha condizionato per il resto della corsa; sempre lo sloveno poi, a circa 25 km dal traguardo, mentre pedalava nella pancia del gruppo di una cinquantina di unità all'inseguimento dei battistrada Sagan, Bodnar, Chavanel e Stannard, è rimasto bloccato da una caduta occorsa nel plotone e ha perso così ogni possibilità di giungere al traguardo con la testa della corsa.Grega Bole Lampre Isd
Una foratura ha invece estromesso Hondo dal gruppo principale subito dopo il Kemmelberg, ascesa sulla quale il tedesco della Lampre-ISD aveva scollinato in buona posizione.
E' rimasto quindi il solo Spilak a difendere i colori blu-fucsia nel largo gruppo di corridori che ha neutralizzato l'azione dei 4 attaccanti nell'ultimo chilometro, dando poi spazio ai velocisti. La vittoria è andata a Boonen, Spilak ha tagliato il traguardo nel ventre del gruppo.

"Gli episodi hanno condizionato le prestazioni dei nostri velocisti Hondo e Bole: per come si è conclusa la corsa, meno dura rispetto al previsto, è stato davvero un peccato che le nostre possibilità di ottenere un buon piazzamento siano state compromesse da circostanze poco fortunate - ha commentato Fabrizio Bontempi, ds della Lampre-ISD - Ancora positive indicazioni da parte di Spilak, brillante sulle asperità e poi sempre lucido nel pedalare nelle prime posizioni del gruppo".

ORDINE D'ARRIVO
Boonen 4h36'13"
Bennati s.t.
3° Farrar s.t.
27° Spilak s.t., 74° Bole 3'18", 96° Krivtsov 11'28", 105° Hondo s.t.


Fortuna e impegno: questi gli ingredienti che sono serviti a Michele Scarponi per conquistare il 2° posto nella graduatoria finale della Volta a Catalunya.

Il corridore della Lampre-ISD è riuscito proprio nell'ultima frazione della corsa catalana (Parets del Vallès-Barcellona, 124,5 km) a sopravanzare l'avversario diretto per la piazza d'onore della classifica generale, ovvero Leipheimer, costretto all'abbandono a causa di un malore notturno. Con l'americano fuori dai giochi, la frazione conclusiva non è stata comunque una passeggiata per Scarponi, visto che, dopo una caduta in testa al gruppo occorsa a inizio gara, la Garmin-Cervelo ha prodotto un deciso attacco con l'intento di favorire Martin, 3° in classifica: la Lampre-ISD (priva di Loosli, febbricitante) ha dato un valido contributo alla Saxo Bank nell'inseguimento, conclusosi dopo 40 km percorsi ad alto ritmo sotto la pioggia.
Con la situazione tornata nella normalità e con una fuga di tre uomini non pericolosi per la graduatoria generale, la corsa è scivolata verso l'epilogo: ripresi i fuggitivi nell'ultimo chilometro, è stato ancora Dumoulin a vincere lo sprint di gruppo.

"Anche oggi ho dovuto sudare per difendere il 2° posto in classifica, guadagnato con un po' di fortuna dopo l'abbandono di Leiphemeier - ha commentato Scarponi - Terminare alle spalle di Contador nella classifica generale è un buon risultato, forse ho pagato con un pizzico di brillantezza in meno il fatto di essere competitivo ormai da molto tempo: ora staccherò per qualche settimana dagli impegni agonistici per ricaricare le energie a livello fisico e mentale".

Questo il bilancio della corsa catalana stilato dal ds Vicino: "Possiamo essere soddisfatti per aver conquistato una vittoria di tappa con Petacchi, un secondo posto ad Andorra con Scarponi e la piazza d'onore nella classifica generale. La squadra ha lavorato bene nei momenti di necessità, grazie a una condizione di forma generale di buon livello. Rimane il grosso rammarico di aver perso presto Petacchi, il quale avrebbe di sicuro potuto puntare, con ottime possibilità, ad almeno altri due successi".

ORDINE D'ARRIVO
Dumoulin 2h33'55"
2° Duran s.t.
3° De Haes s.t.

CLASSIFICA GENERALE
Contador 29h24'42"
Scarponi 23"
3° Martin 35"

Comunicato Stampa