Giro di Romagna, vince Oscar Gatto

Pubblicato il: 04-09-11

LUGO DI ROMAGNA "Quando stai bene non sempre tutto va come deve. Alla Settimana Lombarda c'ero, ma non ho raccolto. Oggi però avevo fame di rivincita, e tutto è andato per il verso giusto anche grazie ai miei compagni. Hanno tutti fatto un ottimo lavoro e Visconti in modo particolare. E' davvero un gran corridore e un gran professionista" parole di Oscar Gatto, il leader Farnese Vini Neri Sottoli che nell'edizione 2011 del Giro di Romagna - Coppa Placci ha centrato il bersaglio grosso con una volata di autorità su Ponzi (Liquigas) e Battaglin (Colnago CSF) alla fine di una corsa tiratissima con una media finale record.

"Nel finale, quando era fuori la fuga di sei con Mazzanti dentro, ho chiesto ai miei di prendere la situazione in mano - spiega Luca Scinto, in ammiraglia anche quest'oggi alla guida dei suoi atleti - perché quella fuga era troppo pericolosa. Ricci Bitti e Bisolti hanno fatto il grosso del lavoro, ma de terminante é stato l'apporto di Visconti, che anche oggi ha dimostrato che oltre ad essere il Campione Italiano, é davvero un corridore di classe, professionale e campione nel cuore. Giovanni infatti si é messo in testa negli ultimi tre chilometri, sacrificandosi per Gatto che nel mentre stava curando la ruota di Ponzi, il più veloce tra gli avversari, andando a chiudere in extremis sui fuggitivi. Un vero esempio di professionalitá. (...) Gatto poi non ha tradito le aspettative: noi sappiamo che sta bene e che dal Matteotti (31 agosto, altro traguardo vinto dal forte corridore veneto, n.d.r.) é cresciuto. Per fortuna oggi l'ha dimostrato e speriamo che lui, insieme ovviamente a Giovanni, possano essere letti come pedine importanti per la Nazionale Italiana in chiave mondiale dal C.T. Bettini". Mondiale che si avvicina (é in programma il 25 di settembre) al quale si arriverà passando per un'altra corsa chiave: il Giro di Padania, da martedì 6 a sabato 10. Visconti e Gatto, la coppia dei leader Farnese Vini Neri Sottoli ci sará, e l'obiettivo rimane sempre quello grosso: vincere.

Comunicato Stampa