Continua il ritiro della Lampre-ISD

Pubblicato il: 23-01-12

 A dispetto del luogo di villeggiatura di San Vincenzo, i ciclisti sono al lavoro sette giorni su sette nel ritiro della Lampre-ISD presso il Residence Riva degli Etruschi.
Anche il fine settimana, infatti, ha visto gli atleti della formazione di patron Galbusera impegnati a seguire gli allenamenti programmati dal duo di ds Maini-Piovani.
A introdurre una variazione sul tema delle uscite in bici, nella giornata di sabato è giunto a San Vincenzo Giuseppe Saronni, general manager blu-fucsia, il quale si è intrattenuto con la squadra e, in particolare, con i capitani Scarponi e Cunego.
"Le visite di Saronni fanno sempre piacere, il suo carisma è importante per la squadra - ha spiegato Scarponi - Assieme, abbiamo fatto il punto della situazione sulla mia condizione attuale e sugli allenamenti che sto sostenendo in ritiro, riflettendo anche sui primi appuntamenti agonistici. In questi giorni, sto lavorando intensamente assieme a tutti i corridori presenti in ritiro: gli allenamenti sono specifici, finalizzati a essere competitivo alla Tirreno-Adriatico e alle Classiche delle Ardenne. Rimane poi aperta la questione della scelta tra il Giro d'Italia e il Tour de France: sto riflettendo, mi ha fatto piacere ricevere carta bianca anche dagli sponsor per la valutazione della soluzione migliore. Quel che posso dire già ora è che la preparazione è impostata per essere al via di solo uno dei due appuntamenti; d'altronde, se anche un campione come il mio amico Contador è arrivato ad affermare che l'accoppiat a Giro e Tour è difficilmente sostenibile, qualcosa vorrà pure dire e quindi sono intenzionato a fare tesoro di queste indicazioni. L'armonia in squadra è ottima, mi sembra che i nuovi corridori Stortoni e Possoni si siano integrati molto bene nel gruppo e che atleti come Niemiec e Ulissi facciano sentire sempre di più il loro contributo in termini di carisma. Non dimentico poi le autorevoli presenze degli esperti Righi e Spezialetti: insomma, il gruppo c'è e, oltre che lavorare, si trascorrono anche ore piacevoli assieme ai compagni e sapete che a me piace vivere nel buonumore! In squadra mi trovo bene, nei prossimi anni vorrei diventare un punto di riferimento della Lampre-ISD, per questo motivo assieme alla dirigenza della squadra sto gettando le bassi affinché questo possa accadere".
Il ritiro sembra soddisfare anche Damiano Cunego: "Mi piace ritrovarmi con i compagni di squadra, dopo la sosta invernale, per pedalare tutti assieme. In particolar modo, in questo raduno abbiamo svolto dei lavori a mio avviso molto utili per incrementare la condizione fisica, con uscite varie che hanno evitato la monotonia del normale allenamento. Mi sono concentrato molto sulla quantità di lavoro, lo ritenevo necessario dopo un inverno nel quale ho perso qualche giorno di allenamento. Ora sento la condizione crescere, ma so anche che non devo aver fretta di accelerare i tempi. Ritengo molto interessante anche l'opportunità di dedicare delle sessioni di allenamento alla bicicletta da crono: trovare il giusto equilibrio di posizione e forza di pedalata è molto importante, per questo motivo sono contento di poter avere la bicicletta da crono anche a casa. Al primo appuntamento agonistico ufficiale mancano ancora un po' di giorni, sarà il Giro della Provincia di Reggio Calabria in programma l'11 e il 12 febbraio, ma pedalare in gruppo con i miei compagni mi ha fatto venire una gran voglia di attaccare il numero alla schiena e respirare l'aria della gara. Nell'attesa di esordire nell'annata agonistica, rimarrò concentrato sugli allenamenti: al rientro dal ritiro, svolgerò a casa sedute di allenamento meno intense che mi permetteranno di mettere a frutto tutto il lavoro realizzato qui in Toscana. Poi, dal 31 gennaio, ci raduneremo di nuovo a San Vincenzo, per riprendere gli allenamenti di gruppo".

Comunicato Stampa