Sagan terzo successo in Svizzera, Cunego 17esimo

Pubblicato il: 12-06-12

Peter Sagan ha vinto la quarta tappa del Giro di Svizzera, lo slovacco della Liquigas-Cannondale, all'undicesimo successo nel 2012, ha preceduto lo spagnolo Rojas e lo svizzero Albasini. Determinante per Sagan il lavoro di Moreno Moser negli ultimi chilometri, che ha permesso al compagno di squadra di cogliere il trionfo n. 34 da pro' in meno di tre stagioni. "Senza lo splendido lavoro di Moreno non so come sarebbe finita – ha affermato Sagan -. Nel finale di corsa ha chiuso tutti gli attacchi, permettendomi di fare la volata che volevo: lo ringrazio tanto e spero di ricambiare presto il favore. Sulla corsa di oggi, in partenza non sapevo bene cosa aspettarmi. Il meteo e il ritmo di corsa hanno reso la tappa tirata, difficile da gestire. Ho cercato di risparmiarmi il più possibile, sperando in un arrivo a gruppo ristretto. La volata finale non era facile da impostare perché non c’era un vero e proprio treno. Era importante tenere le prime posizioni, poi quando è partito Burghardt ho colto l’occasione e sono partito per non farmi rimontare. E’ un periodo felice, tutto ciò che provo riesce. So bene che non sarà sempre così, ma finché posso sfrutterò ogni occasione".
Percorso con pochissima pianura e andatura sostenuta per tutta la corsa: questi gli ingredienti giusti per rendere assai impegnativa la 4^frazione del Giro di Svizzera, 188,8 km da Aarberg a Trimbach battuti tra l'altro dal cattivo tempo.
Prova discreta, seppur senza acuti, da parte dei corridori della Lampre-ISD, con Cunego al traguardo senza problemi nel primo gruppo (17° su 60 atleti), ben spalleggiato da un sempre più convincente Possoni (43°). Prova preziosa, in ottica di lavoro per la squadra, anche da parte di Mori. Dopo che la fuga di giornata (9 corridori, poi ridottisi a tre, senza nessun ciclista blu-fucsia) è stata neutralizzata, il finale ha dato spazio a una serie di attacchi che ha causato un notevole innalzamento dell'andatura del gruppo: Sagan non ha comunque avuto problemi a regolare gli avversari in volata. Rui Da Costa è sempre al comando della classifica generale, con Cunego in 17^posizione a 57".
"Non è stata una tappa semplice: l'andatura alta e i continui cambi di ritmo nel finale si sono fatti sentire nelle gambe di tutti - ha spiegato Cunego - Comunque, anche grazie all'ottimo lavoro dei miei compagni, ho potuto districarmi bene nei chilometri finali, evitando eventuali imprevisti".
 

ORDINE D'ARRIVO
1° Sagan 4h36'55"
2° Rojas s.t.
3° Albasini s.t.
17° Cunego s.t.
43° Possoni s.t.

CLASSIFICA GENERALE
1° Da Costa 15h43'52"
2° F. Schleck 8"
3° Kreuziger 15"
4° Pinot 19"
17° Cunego 57"

 

Comunicato Stampa