Scarponi cede, Petacchi sospetta frattura delle costole

Pubblicato il: 12-07-12

11^tappa del Tour de France, la Albertville-La Toussuire di 148 km, che ha proposto in successione ai corridori le salite del Col de la Madeleine (40° km, hors categorie), del Col de la Croix de Fer (93° km, hors categorie), del Col du Mollard (113° km, 2^categoria) e l'arrivo in quota (1^categoria).
Partenza frenetica, con tentativi di fuga sin dai chilometri iniziali. Nonostante la dispendiosa fuga della 10^frazione, Michele Scarponi non ha voluto risparmiarsi e si è gettato generosamente ancora nella mischia, unendosi a un'azione di 28 atleti che ha preso il largo sulle pendici del Col de la Madeleine. Al fianco dell'Aquila di Filottrano un ottimo Marco Marzano, ma purtroppo il duo blu-fucsia non è riuscito a seguire il ritmo elevato con il quale i fuggitivi hanno affrontato il Col de la Croix de Fer (scollinamento in 12 elementi). Scarponi e Marzano sono stati riassorbiti dal gruppo a 64 km dal traguardo.
Lungo l'ascesa finale, la lotta per il successo di tappa ha premiato il francese Rolland, membro della fuga iniziale.
Scarponi ha tagliato il traguardo con un distacco di 14'15" (32°).
In classifica generale, dietro alla maglia gialla di Wiggins salgono Froome (2°) e Nibali (3°), mentre è sceso al 4° posto Evans.

Giornata molto negativa per due corridori blu-fucsia che stasera dovranno salutare la Grande Boucle, ovvero Alessandro Petacchi (foto Bettini) e Yuriy Krivtsov, giunti al traguardo oltre il limite del tempo massimo. AleJet ha dovuto fare i conti con una caduta nella discesa del Col de la Croix de Fer, incidente che lo ha costretto a una lunga rincorsa, resa difficile anche dalla contusione al dorso riportata nella caduta. I crampi hanno invece frenato Yuriy Krivtsov.

"Ho voluto provare a sfruttare una tappa bella e stimolante come quella di oggi, con salite dure, per attaccare e realizzare qualcosa di importante - ha spiegato Scarponi - Ero conscio del fatto che, dopo le fatiche di ieri, avrei potuto pagare qualcosa in termini di resistenza e in effetti, dopo aver pedalato in fuga sul Col de la Madeleine, le forze mi sono mancate sul Col de la Croix de Fer. Sarà importante recuperare energie e scegliere in maniera precisa su quale delle prossime tappe puntare".

ORDINE D'ARRIVO
1° Rolland 4h43'54"
2° Pinot 55"
3° Froome s.t.
4° Van den Broeck 57"
5° Nibali s.t.
6° Wiggins s.t.
32° Scarponi 14'15"

CLASSIFICA GENERALE
1° Wiggins 48h43'53"
2° Froome 2'05"
3° Nibali 2'23"
4° Evans 3'19"
21° Scarponi 20'32"

Queen stage in Tour de France, 148 km from Albertville-La Toussuire that submitted to the cyclists the climbs of Col de la Madeleine (40th km, hors categorie), of Col de la Croix de Fer (93rd km, hors categorie), of Col du Mollard (113th km, 2nd category) and the mountain arrival (1st category).
Frantic start that was characterized by an attack of 28 cyclists that escaped from the bunch on the Col de la Madeleine. In those group of attackers there was Scarponi too, who could rely on the suppport of the team mate Marzano. Anyway, the blue-fuchsia duo had to give up when the pace in the breakaway was raised on the Col de la Croix de Fer (12 riders were leading the race at the top of the climb).
On the final climb to La Toussuire, Rolland could complete in a winning way the breakaway, while Scarponi reached the arrival after 14'15" (32nd).
Wiggins is still the leader of the overall classification, 2nd place for Froome and 3rd place for Nibali, who both overtook Evans (4th).


La 11^tappa del Tour de France si è trasformata in un supplizio per Alessandro Petacchi (foto Bettini), caduto pesantemente mentre affrontava la discesa del Col de la Croix de Fer (50 km al traguardo).
Il velocista della Lampre-ISD ha battuto sull'asfalto il costato e il dorso, provocandosi contusioni ed escoriazioni estese.
AleJet è riuscito a raggiungere il traguardo con 46'34" di ritardo dal vincitore Rolland, non rientrando però nel tempo limite (37'55").


Petacchi, sospetta frattura delle costole
Il dottor Beltemacchi, medico del Team Lampre-ISD, ha visitato Petacchi dopo la corsa, spiegando che: "Si evidenziano sospette fratture delle costole, oltre a estese escoriazioni. Domani Petacchi rientrerà in Italia e si sottoporrà a tutti gli accertamenti necessari a definire con precisione la tipologia dell'infortunio".

Considerando che anche Yuriy Krivtsov non ha raggiunto il traguardo entro il tempo limite (+45'41" dal vincitore), il Team Lampre-ISD sarà al via della 12^tappa con 5 effettivi: Bole, Hondo, Marzano, Scarponi e Stortoni.

The 11th stage of Tour de France became a torment for Alessandro Petacchi (photo Bettini) when he crashed heavily on the downhill of Col de la Croix de Fer (50 km to go).
Lampre-ISD's sprinter hit on the road the back and the ribs, suffering for bruises and grazes.
AleJet suceeded in reaching the arrival (+46'34" to the best time), but over the time limit (37'55").

Doctor Beltemacchi from Lampre-ISD examined Petacchi after the race and then he explained that: "There could be fractures of the ribs. Tomorrow Petacchi will be back to Italy, where he will be examined in a deeper way in order to evaluate which kind of injury he suffered".

Considering that Yuriy Krivstov too was over the time limit (+45'41" to the winner), Lampre-ISD will be at the start of the 12th stage in 5 athletes: Bole, Hondo, Marzano, Scarponi and Stortoni.

 

Comunicato Stampa