Enrico Rossi, un romagnolo trionfa a Bondeno

Pubblicato il: 03-09-12

E' scattata sotto un autentico diluvio l'edizione 2012 del Padania che ha mosso i primi colpi di pedale dalla piazza Pertini di Sant'Agostino lasciando sullo sfondo le macerie del Municipio raso al suolo in seguito al terremoto. A vestire la prima maglia blu, al termine degli 83 chilometri in programma, in attesa della cronometro a squadre di questo pomeriggio è stato il romagnolo Enrico Rossi (Meridiana), il più bravo di tutti nel guidare la bicicletta nell'insidioso finale di Bondeno.

LA CRONACA - Per gli scaramantici un giro bagnato è un giro fortunato. Per i corridori è un battesimo vero e proprio. Via ufficiale dato alle ore 9:45. Pronti via e al km uno Julian Kern (Leopard-Trek) ha rotto gli indugi allungando sul gruppo. Elchin Asamov (Specialized) lo ha prontamente inseguito, formando un tandem al comando sotto una pioggia incessante. Il gruppo ha temporeggiato nella prima fase di corsa, vantaggio massimo raggiunto dalla coppia al comando: 4'45". Quando però la Lampre-ISD di Alessandro Petacchi ha iniziato a menare pancia a terra, il bottino di secondi dei battistrada si è assotigliato sensibilmente. Stremato dal freddo e dalla pioggia, Asamov è stato il primo a rialzarsi ai meno venti km dalla conclusione, mentre Kern ci ha creduto fino alla fine, prima di venire riacciuffato ai meno otto dal traguardo.

Tutti ad attendere un volatone a ranghi compatti, sul rettifilo di Bondeno (Fe), ed invece, il plotone si spezza proprio negli ultimi 1000 metri, scanditi da diverse curve e resi insidiosi dalla pioggia. A sbucare per primo dall'ultima curva, posta ai 150 metri dal traguardo, è Enrico Rossi (Meridiana-Kamed) sulla sua ruota Massimo Graziato (Lampre-ISD) e Filippo Baggio (Utensilnord Named), che però non hanno trovato il guizzo vincente e hanno tagliato il traguardo nello stesso ordine. Settima vittoria stagionale, maglia blu di leader della classifica generale e maglia ciclamino della classifica a punti sulle spalle di Enrico Rossi, il romagnolo a cui la giornata bagnata ha portato fortuna.

LE VOCI DEI PROTAGONISTI - Nel raccontare il successo ottenuto nella prima semitappa della Monviso Venezia- Il Padania 2012 Enrico Rossi non nasconde l'orgoglio per essere riuscito a realizzare una piccola impresa proprio sulle strade della sua regione. "Vincere nella mia regione ha un doppio significato per me, soprattutto sono molto felice che sia stata organizzata questa gara nelle zone colpite dal terremoto. Questa gente se lo meritava!" ha dichiarato l'alfiere della Meridiana-Kamen "Sono molto contento, anche perchè venivo da uno stop di quasi due mesi. Dopo aver fatto GP di Carnago, Coppa Placci e Coppa Bernocchi la condizione non era fantastica, però  questo arrivo tecnico e sotto la pioggia mi si addiceva molto". Poche ore di relax e poi per il trentenne arriverà il momento di difendere la maglia di leader, appena conquistata, nella cronometro a squadre che prenderà il via alle 16.30. "Per noi la cronosquadre è un pò un terno al lotto, perchè ne abbiamo fatte praticamente nessuna sino ad ora. Quindi cercheremo di fare meglio possibile, oltre che per la maglia che indosso io anche per il nostro capitano, Davide Rebellin, che punta a far bene qui al Padania. Quindi tenteremo di gestirci nel modo migliore e di far bene. E' la prima prova di questo tipo che facciamo quest'anno e  quello che viene è tutti in più". 

Comunicato Stampa