Orientarsi al Polo Artistico della provincia di Latina

Pubblicato il: 25-01-12

Il Polo Artistico della provincia di Latina, costituito dai due Istituti: Liceo Artistico Statale di Latina e Liceo Artistico “A. Baboto” di Priverno, in queste ultime settimane di orientamento sia nelle scuole della provincia, sia nelle giornate dedicate all’open day di sabato e di domenica, presso le sedi dell’Istituto, sta registrando una considerevole affluenza di alunni e genitori.
Per quanto riguarda il Liceo Artistico di Latina, l’offerta formativa promossa dalla scuola si giova, a partire dal prossimo anno scolastico 2012-2013, di ben due nuovi indirizzi di studio: Design e Scenografia.
In tutto sono cinque gli indirizzi che, per effetto dell’applicazione della nuova riforma, (D.P.R. 15 marzo 2010, n.89, Regolamento di riordino dei Licei), il Liceo può vantare e offrire alla propria utenza: Indirizzo arti figurative, indirizzo architettura e ambiente, design, grafica, scenografica.
Con la pubblicazione del Regolamento dei Licei tutte le scuole artistiche confluiscono nel nuovo Liceo artistico. Per il Liceo Artistico Statale di Latina non è una novità, dal momento che il progetto Michelangelo, attivo nei 2/3 delle nostre classi è il modello di riferimento per la riforma. Tra le domande più frequenti che i genitori pongono ai docenti della commissione orientamento (Prof.ssa Maria Antonietta Fauttilli, prof.ssa Rosanna Borrelli, Prof.ssa e artista impegnata Ornella Boccuzzi, coordinatrice di eventi e mostre sul territorio, così il Liceo intende rispondere: «Chi pensava di seguire un corso di design, pittura, grafica, architettura o scenografia come farà?»
Dopo un primo biennio in cui le materie artistiche sono impartite a tutti in maniera orientativa, per creare le basi dell’apprendimento futuro, chi è orientato verso il mondo dell’architettura e del design, si potrà iscrivere oltre che all’Indirizzo Architettura e Ambiente, anche al nuovo indirizzo Design su cui la scuola sta lavorando per meglio corrispondere alle richieste e alle specificità del territorio. Esso si articola secondo i settori che compongono i beni culturali in Italia. Tra di essi spicca per esempio il Design come uno tra i più produttivi anche per un rapido inserimento nel mondo del lavoro.
Dal terzo anno potrà scegliere tra diverse articolazioni che prevedono tutte sia laboratori della progettazione, sia ore d’insegnamento di discipline progettuali.
Chi invece vuole orientarsi verso le opere pittoriche e il loro restauro trova a partire dal terzo anno i seguenti insegnamenti: laboratorio della figurazione e discipline pittoriche e plastiche. Analogamente per l’indirizzo di grafica, che si specifica in laboratorio di grafica e ore d’insegnamento di discipline grafiche con una didattica votata alla formazione digitale per favorire la strutturazione di competenze spendibili fin da subito nel mercato del lavoro.
La scelta che l’alunno farà al primo anno sarà definitiva?
No. Il biennio è unitario all’interno dell’area del Liceo artistico e comune alle altre scuole. Le ore annue di Laboratorio artistico in prima e seconda classe, hanno proprio lo scopo di orientare alla scelta degli indirizzi attivi dal terzo anno. Nella nostra scuola alla presenza dei docenti di Discipline progettuali e Laboratori del Triennio finale, gli studenti sperimentano le attività dei diversi indirizzi per favorire una scelta consapevole.
Con tutti questi cambiamenti c’è una continuità?
Per decisione dei nostri organi collegiali (il Collegio dei Docenti che imposta la didattica e il Consigli di Istituto che traccia le vie da seguire) occorre mantenere l’identità della nostra scuola che non consiste nei quadri orari – i quali possono ben cambiare- ma: nel porre a fondamento della programmazione didattica la creazione di un sereno ambiente educativo, il quale non si costruisce solo in aula, ma attraverso l’insieme di tutte le relazioni che intercorrono tra le persone all’interno di una scuola.
Nella centralità della didattica di laboratorio per favorire l’apprendimento induttivo.
      Nella valenza orientativa delle discipline- soprattutto nel biennio iniziale.
     Nelle numerose iniziative culturali in collaborazione con gli enti locali, le istituzioni culturali della città e del territorio pontino e della vicina Roma.
Nella volontà di confermare ogni anno i principali progetti e attività a completamento del curricolo.
Per quanto attiene il Liceo Artistico “A. Baboto” di Priverno si conferma quanto esposto per il Liceo di Latina, con la particolare e significativa scansione degli indirizzi che l’ex Istituto d’Arte vuole garantire alla propria utenza in continuità con la propria storia e antica tradizione sul territorio.
L’Istituto “A. Baboto” di Priverno vede la propria offerta formativa comporsi di due indirizzi: Architettura e ambiente e Design. Quest’ultimo si articola in Design dell’arredamento e dell’architettura d’interni; Design dei metalli e dell’oreficeria; Design del tessuto e della moda.
Il Polo Artistico in questi anni sta cercando di dimostrare con quanta attenzione sente il proprio ruolo di centro per la promozione dell’arte, attraverso una didattica flessibile e aperta alle sollecitazioni estetiche. Gli alunni sono spronati, oltre che a una lettura della tradizione sul piano della storia e della cultura in genere, all’adeguamento verso stili di creatività innovativi e coerenti con le modificazioni della società contemporanea. Nell’ambito del nuovo dipartimento dell’area estetico-progettuale, coordinato dalla Prof.ssa Emanuela Macera, si intende favorire uno scambio culturale e interattivo tra il Polo Artistico della Provincia di Latina e le preminenti realtà artistiche del territorio come luogo di congiuntura ideale e di sviluppo dell’arte come linguaggio che educa e che forma le generazioni e come luogo per la ricezione e lo scambio comunicativo e culturale con gli enti e le tante associazioni territoriali impegnate nel sociale.
Non da ultimo la dirigente del Polo Artistico, Prof.ssa Loretta Tufo, auspica a breve l’ampliamento dell’offerta formativa, che a livello regionale ha già previsto l’attivazione del nuovo corso ad indirizzo coreutico, per poter finalmente soddisfare e coronare quel necessario “colloquio delle arti” che il Polo sta perseguendo in questi anni di intenso lavoro e di revisione della propria azione formativa e culturale.
Si ricordano gli ultimi appunti del mese con la scuola:
Venerdì 27 gennaio 2012 dalle ore 10,00 presso la sede di Latina in viale Giulio Cesare, 20, presentazione di lavori grafico-pittorico-letterari prodotti dai ragazzi in occasione delle celebrazioni della «Giornata della memoria», unitamente ad una classe del Liceo musicale “A. Manzoni” che intonerà dei brani per l’occasione, alla presenza di una rappresentanza dell’Ufficio Scolastico Provinciale.
Mentre sabato 28-01-2012 dalle ore 15 alle ore 17 e domenica 05-02-2012 dalle ore 10 alle ore 12 proseguirà l’open day per le famiglie per la sede di Latina e domenica 29-01-2012 dalle ore 10 alle ore 12 per la sede dell’Istituto “A. Baboto” di Priverno.

Comunicato Stampa