Ricco\': i medicinali trovati non sono per doping

Pubblicato il: 02-10-10

I medicinali rinvenuti dai carabinieri dei Nas nell'abitazione di Riccardo Riccò a Serramazzoni nel recente blitz sono "farmaci di uso comune che nulla hanno a che vedere con il doping". E quanto assicura lo stesso ciclista emiliano che, impegnato sulle strade del Circuit Franco-belge, in serata ha diffuso un comunicato dicendosi "molto amareggiato per le notizie che lo hanno tirato in ballo negli ultimi due giorni". Riccò tiene a precisare che "in relazione alle recenti notizie apparse sui media che hanno coinvolto anche la mia persona, ritengo di dover precisare la mia assoluta estraneità. Non ho ricevuto alcun avviso di garanzia - sottolinea -, nè tantomeno risulto indagato per qualsiasi reato connesso alle indagini in corso". Il ciclista definisce infine "particolarmente fastidioso" un'articolo apparso sul sito leggo.it per il quale annuncia che sta valutando un'eventuale azione legale a tutela della sua immagine.

Repubblica.it