Qatar, Guardini conquista l\'ultima tappa

Pubblicato il: 11-02-11

DOHA (QAT) – Andrea Guardini non perdona. Dopo un prologo e quattro tappe in cui ha dovuto soffrire e stringere i denti tra un ventaglio e l'altro, sgomitando per rimanere in piedi invece che per sprintare, nell'ultima tappa del Qatar ha avuto modo di dare sfogo alla propria volata esplosiva, vincendo con una rimonta da primo della classe. Nella Sealine Beach Resort - Doha Corniche, ultimi 126.50 km di fatica della corsa a tappe nell'emirato medio orientale, Guardini è stato condotto splendidamente dal proprio team (che ha visto ritirarsi il tricolore Visconti a causa dei postumi della caduta nella terza tappa, ma solo per precauzione in vista anche del Giro di Oman) riuscendo poi a sprintare in modo esemplare, con una rimonta pazzesca negli ultimi cinquanta metri: “E' stata proprio dura! - esordisce Guardini, raggiante dopo l'arrivo – il ritmo e le difficoltà qui erano maggiori rispetto alla Malesia. Ma non mi sono dato per vinto e ci tenevo oggi a fare bene. So di aver fatto un bel numero, con una rimonta importante, ma stavo bene e mi sentivo nelle gambe quello sprint. Dedico la vittoria a Scinto, i compagni e tutta la squadra, stiamo vivendo un periodo fantastico!”.
Molto felice dunque tutto lo staff, che può così festeggiare la settima vittoria stagionale: “Siamo soddisfatti, questi giorni sono stati duri per i miei ragazzi, che non sono abituati a  questi percorsi e a tutto questo vento – spiega Luca Scinto, alla guida del team in Qatar – ma non ci siamo abbattuti e oggi ci tenevamo a chiudere bene (…) Guardini è stato fantastico, ci ha dimostrato di avere davvero qualcosa in più degli altri nello sprint”. Qualcosa in più che gli è valso la vittoria, a scapito di Francesco Chicchi (Quick Step) e Theo Bos (Rabobank), rispettivamente 2° e 3°.
Ora il team festeggerà il successo dirigendosi verso l'Oman, dove difficoltà, vento, ma anche qualche tracciato più favorevole alle proprio caratteristiche li aspettano, forti di una vittoria importante, che da euforia e gioia a tutto il clan giallo fluo.

QUI LAMPRE --- Dopo una serie di prestazioni generose che hanno portato a interessanti piazzamenti, Danilo Hondo non è riuscito a graffiare nell'ultima tappa del Tour de Qatar.
La 5^frazione (Sealine Beach Resort-Doha Corniche, 126,5 km) si è conclusa con una volata di gruppo nella quale lo sprinter della Lampre-ISD non ha trovato il modo per mettersi in luce (11° al traguardo). La vittoria è andata all'italiano Guardini su Chicchi, mentre Renshaw ha potuto gioire per la conquista della classifica generale finale, graduatoria nella quale Hondo si è piazzato al 18° posto.
"Il bilancio della nostra partecipazione al Tour de Qatar avrebbe potuto essere migliore - ha detto Fabrizio Bontempi, direttore sportivo della Lampre-ISD - Senza comunque contare l'assenza di Petacchi, abbiamo ottenuto ottimi riscontri dal solo Hondo, davvero bravo, e qualche buon segnale da Bole, prima che la caduta lo estromettesse dalla corsa. Sono sicuro, però, che già al Tour de Oman, complice anche un percorso più adatto alle nostre caratteristiche, riusciremo a fornire prestazioni più soddisfacenti".


ORDINE D'ARRIVO
1° Guardini 2h44'06"
2° Chicchi s.t.
3° Bos s.t.
11° Hondo s.t.

CLASSIFICA GENERALE
1° Renshaw 15h31'04"
2° Haussler 08"
3° Bennati 17"
18° Hondo 5'36"

Francesco Paris