Giro del Trentino, Scarponi leader della generale

Pubblicato il: 20-04-11

Nella tappa celebrativa dell’unità d’Italia trionfa la maglia tricolore, ma con i colori della Francia: è quella del campione nazionale Thomas Voeckler, autore di una splendida performance nella frazione intermedia dopo la cronometro di martedì e prima dei due tapponi di montagna (domani a Fai della Paganella, venerdì a Madonna di Campiglio). A Bezzecca arrivano solo in due davanti, insieme a Voeckler c’è Michele Scarponi: il francese è stato il più lesto a prendere il largo negli ultimissimi chilometri, Scarponi prontissimo nel saltargli sulla ruota. Curiosamente, Scarponi a una trentina di chilometri dall’arrivo aveva affiancato il francese pronosticandolo come l’uomo del giorno. “Infatti – ha spiegato Michelenel finale tenevo d’occhio soprattutto lui, evidentemente non mi ero sbagliato”.
La supremazia di Voeckler allo sprint è netta, ma Scarponi alla fine è contento lo stesso, perché a lui va la maglia di leader, scalzando Kloden che ha mollato subiuto non appena la strada ha cominciato a salire. Scarponi in pratica ha recuperato con gli interessi i secondi che aveva perso da Nibali nella crono, e adesso sopravanza il siciliano di 15”. “A prescindere dal duello tra me e lui – spiega Scarponi per me è importante verificare la condizione. Il Trentino è un esame importantissimo, decisivo in vista del Giro d’Italia”.
La corsa odierna è vissuta su un lungo attacco di quattro uomini (Krivtsov, De Maria, Torosantucci e Zagorodny) che hanno avuto un vantaggio anche superiore ai cinque minuti ma sono stati assorbiti non appena la strada ha cominciato a salire verso la Valle di Ledro e i grossi calibri sono entrati in azione. Comunque il piatto forte del 35° Giro del Trentino è dopo: l’arrivo a Fai della Paganella (la salita di 12 km è da scalare due volte) e venerdì gran finale a Madonna di Campiglio. Il pronostico sembra sempre più centrato su Scarponi e Nibali, ma le sorprese non mancheranno. Magari lo stesso Voeckler, che non è uno scalatore ma che sta vivendo la sua stagione della maturità, e dunque non pone limiti alla provvidenza.
QUI LAMPRE --- Parliamo di salita , di Giro del Trentino e subito in luce il nome di Michele Scarponi e del Team Lampre ISD.
Nella seconda tappa (Dro - Ledro Bezzecca Km. 184,000) infatti il Team ha dimostrato grande compatezza e condizione portando il suo leader Scarponi in vetta alla classifica generale grazie ad un'azione travolgente nel finale. La gara caratterizzata da una lunga fuga iniziale ha trovato come previsto nell'ultima ascesa il suo momento cruciale. Consapevoli di questo i nostri atleti Malori , Righi , Bono e Kvachuk hanno scortato Scarponi nelle prime posizioni fino ai piedi della salita . Ai meno 8 km dal traguardo grande lavoro svolto da Marzano e Niemiec ( terzo poi al traguardo) che hanno chiuso sugli attacchi avversari lasciando tranquillo in gruppo Scarponi. Voeckler con una grande azione ha provato ad anticipare il gruppo in contropiede e a meno 2 km dalla vetta , è Scarponi l'unico atleta in grado di raggiungerlo per poi giungere al traguardo assieme al francese e giocarsi lo sprint a 2. Ha la meglio Voeckler ma Scarponi ottiene il primato nella generale grazie ai secondi guadagnati sui diretti avversari.
SCARPONI: " All'attacco di Voeckler nessuno ha provato a rispondere così mi sono incaricato di chiudere il buco. Con tutta la forza che avevo mi sono portato sul corridore francese e senza indugio ho tirato dritto non pensando alla tappa in primis ma a guadagnare più secondi possibili. Sono davvero contento della condizione che supporta me e i miei compagni in questo momento segno che il lavoro svolto all' Etna è stato efficace."
DS TEBALDI: " Devo dire bravi a tutti i corridori per il loro atteggiamento e dedizione, stiamo procedendo come previsto e i risultati lo dimostrano bene. Siamo al giro del Trentino per onorare la corsa e lo faremo sino alla fine ."
QUI KATUSHA --- Seconda tappa del Giro del Trentino, frazione di 184 chilometri con partenza a Dro e arrivo a Ledro Bezzecca. Il migliore per il Team Katusha è stato Giampaolo Caruso, giunto 13° all'arrivo. La tappa è stata caratterizzata dalla Caruso Katushafuga di quattro corridori: Krivstov (AG2R), De Maria (De Rosa), Zagorodny (Miche-Guerciotti) e Torosantucci (D'Angelo&Antenucci). Il loro attacco viene neutralizzato a 9 chilometri dalla linea del traguardo. A 7 chilometri dall'arrivo l'azione decisiva: Voeckler (Europcar) scatta, seguito a ruota da Scarponi (Lampre). I due raggiungono un vantaggio di circa 30'' sul gruppo degli inseguitori, vantaggio che riescono a conservare fino al traguardo: nella volata a due, la spunta il francese dell'Europcar mentre Scarponi, col secondo posto di oggi, conquista la leadership della classifica generale. Giampaolo Caruso e Alberto Losada, nel gruppo degli inseguitori, raggiungono rispettivamente il 13° e il 20° posto, entrambi a 25'' dalla testa della corsa.
ORDINE D'ARRIVO:
1. Thomas Voeckler (Europcar, Fra);
2. Michele Scarponi (Lampre-ISD, Ita) st;
3. Przemyslaw Niemec (Lampre-ISD, Pol) a 25”;
4. Steve Morabito (BMC, Sui) a 26”;
5. Fortunato Baliani (D’Angelo&Antenucci, Ita) st;
6. Paolo Tiralongo (Ita) st;
7. Luca Ascani (Ita) st;
8. Jose Serpa Perez (Col) st;
9.Vincenzo Nibali (Ita) st;
10. Fabio Taborre (Ita) st.

Classifica generale
1. Michele Scarponi (Lampre-ISD, Ita);
2. Tiago Machado (RadioShack, Por) a 14”;
3. Vincenzo Nibali (Liquigas-Cannondale, Ita) a 15”;
 

Francesco Paris