Campagnaro ancora leader degli scalatori

Pubblicato il: 09-09-11

Simona Campagnaro veste ancora una volta la maglia di leader di classifica degli scalatori al Giro di Padania e seppure la stanchezza si stia seriamente facendo sentire, il corridore di Sezze ma marchigiano d’adozione, è sempre più deciso a tentare di portare a casa questo simbolo del primato.
Oggi, la 3° tappa da Lonato a Salsomaggiore ha visto il plotone sfrecciare su 125 km di corsa ad altissime velocità durante i quali i corridori della D’Angelo & Antenucci Nippo Corporation si sono dati molto da fare sia per aiutare il compagno sia per cercare come in ogni tappa, la visibilità e la stoccata finale.
Sull’ultima rampa, infatti, Miguel Angel Rubiano Chavez ha forzato uscendo dal gruppo in solitaria, fuga che ha preso vantaggio e che ancora una volta pareva potesse arrivare a compimento. Le squadre dei velocisti  alle sue spalle però non gli hanno dato tregua riprendendolo a 100 metri dal traguardo quando è entrato in scena Richeze che ancora dolorante per la pericolosa caduta della prima tappa è riuscito a piazzarsi all’8° posto.
Poi i riflettori sono passati su Campagnaro che guarda già a domani: "ho vestito la maglia dei gpm e spero veramente di riuscire a tenerla anche domani, la tappa cruciale di questo Giro di Padania considerando le salite che ci saranno verso San Valentino Bretonico. Proverò ad andare in fuga per guadagnare altri punti anche se la stanchezza ormai si fa davvero sentire. Sono comunque contento per questa maglia che porto addosso da tre giorni e che mi sta dando grinta per arrivare alla fine".

Domani, dunque, la tappa cruciale che deciderà il Giro e che vede ancora in lizza i corridori della D’Angelo & Antenucci Nippo Corporation sia per la tappa che per la classifica con Baliani e Rubiano, visti i distacchi minimi e la testa della classifica generale occupata dai velocisti.

QUI LAMPRE --- Terza volata su altrettante tappe del Giro di Padania, con seconda vittoria per Modolo.
La Lonate Pozzolo-Salsomaggiore Terme porta alla Lampre-ISD il buon 5° posto di Danilo Hondo, autore di una discreta volata a conclusione di una frazione interpretata con buon piglio dal team blu-fucsia.
Soprattutto nel finale di gara la squadra diretta dal duo Lerici-Tebaldi ha provato a forzare il ritmo: prima ha provato Malori (foto) ad avvantaggiarsi sul gruppo, venendo però ripreso dopo qualche chilometro in avanscoperta (il corridore parmense rimarrà successivamente attardato per una foratura), poi è stato Ulissi a farsi vedere nelle prime posizioni al passaggio sull'ultimo Gpm di giornata.
Il plotone però è rimasto compatto e l'epilogo in volata è stato inevitabile.

"Anche oggi Hondo ha provato a misurarsi nello sprint finale e il 5° posto è un buon premio per l'intraprendenza - ha commentato il ds Lerici - Malori e Ulissi avevano provato a saggiare la loro condizione quando il ritmo di corsa si è alzato, peccato per Malori che sia stato penalizzato da una foratura".

ORDINE D'ARRIVO
Modolo
2° Viviani
3° Napolitano
4° Taborre
5° Hondo

CLASSIFICA GENERALE
Modolo
2° Viviani 4"
3° Belletti 22"
4° Plankaert 26"
5° Hondo s.t.

Comunicato Stampa