Giro di Svizzera: a Rui Costa l\'arrivo di Verbier

Pubblicato il: 10-06-12

VERBIER -  Rui Costa, alfiere dalla Movistar, si è aggiudicato la seconda tappa del Giro di Svizzera. La seconda frazione della corsa elvetica prevedeva l'arrivo in salita di Verbier dopo una fatica di 218 chilometri ed iniziata a Verbania. Buona la prestazione di Giampaolo Caruso che ha mancato il podio per un solo secondo. L'italiano della Katusha ha concluso al quarto posto dopo una buona prestazione.

Tappa caratterizzata da salite abbastanza impegnative: due Hors Categorie e lo strappo conclusivo di Verbier. La corsa si è accesa sn dalle prime fasi quando Alessandro Bazzana (Team Type 1) e Anderson (Spidertech) sono riusciti ad andare in fuga. I due battistrada hanno guadagnato molti chilometri ma, dopo un vantaggio massimo di 7', sono stati ripresi quando al traguardo mancavano ancora 30km. Dopo una fase di sostanziale calma, sulle prime rampe dell'asperità finale sono inziati gli scatti. Prima Ten Dam (Rabobank) e poi Frank Schleck (Radioshack-Nissan) hanno rotto gli indugi. Il corridore lussemburghese ha guadagnato rapidamente 30'' ma, complice la durezza della salita, non è riuscito a fare la differenza. Rui Costa (Movistar) ha approfittato del calo di Schleck  contrattaccando e riuscendo prima a staccare il lussemburghese e poi a conquistare la vittoria. In virtù di tale successo Rui Costa ha indossato anche la maglia di leader della classifica generale. Seconda posizione per Schleck, a 4'' dal vincitore, terzo posto per Mikel Nieve (Euskaltel-Euskadi), che ha preceduto Caruso per un solo secondo.


QUI SAXO BANK -  Il diesse Fabrizio Guidi ha spiegato cosi la prestazione della squadra:
"Sono orgoglioso del lavoro della squadra oggi. Siamo riusciti a proteggere Chris Sorensen fino alla salita finale. Per le nostre chanche di vittoria potevamo puntare sia su Chris che su Vladimir Gustov, peccato per non essere riusciti a lasciare il segno. Tuttavia la buona prestazione odierna ci rende fiduciosi per le prossime tappe. Il nostro obiettivo è di far classifica con Sorensen e magari anche vincere una tappa.  La tappa di domani è un po complicata per noi in quanto sarà una sfida tra velocisti anche se ci sono delle piccole asperità che potrebbero cambiare le carte in tavola. Dobbiamo tenere d'occhio i nostri avversari ed essere pronti a rispondere ad eventuali attacchi".
Chris Anker Sorensen ha sottolinea l'importanza dell'aiuto della squadra:
"Sono molto felice di questo piazzamento e di essere riuscito a stare nel gruppo dei migliori. Il risultato di oggi è merito della squadra che mi ha protetto sin sulla salita finale. Ora, spero solo di poter continuare  così sperando di ottenere un buon risultato".

Francesco Paris