Ciclismo, Mondiali 2012 ecco la lista dei convocati di Bettini

Pubblicato il: 12-09-12

Il Commissario Tecnico della Nazionale italiana di ciclismo, Paolo Bettini, ha diramato le convocazioni, in vista della prova in linea ai Mondiali di Limburg, in Olanda, il prossimo 23 settembre.
Oltre al capitano Vincenzo Nibali  (Liquigas-Cannondale),,  Eros Capecchi (Liquigas-Cannondale), Dario Cataldo (Omega Pharma - Quick Step), Oscar Gatto (Farnese Vini - Selle Italia), Marco Marcato (Vacansoleil), Moreno Moser (Liquigas-Cannondale),  Giacomo Nizzolo (Radio Shack - Nissan), Rinaldo Nocentini (Ag2r La Mondiale), Luca Paolini (Katusha), Matteo Trentin (Omega Pharma - Quick Step), Diego Ulissi (Lampre -Isd). Per la cronometro sono convocati Adriano Malori (Lampre-Isd) e Marco Pinotti (Bmc Racing Team).
I nomi delle due riserve per la prova in linea del 23 settembre saranno ufficializzati in seguito.  
Il ct Paolo Bettini - "Credo che questa squadra, composta di corridori esperti ed esordienti, possa rappresentare un mix valido e competitivo per il percorso dei Mondiali".Il Commissario tecnico ha spiegato le sue scelte e ha ribadito il ruolo di leader di Nibali: “Su Vincenzo non devo dirvi molto, se non che è il punto di riferimento della nostra squadra, è un corridore che sa osare, creare scompiglio e assumersi importanti responsabilità”. Poi ci sono gli uomini di esperienza comePaolini e Nocentini: “Su Paolini dico questo: mi criticano perché è mio amico, ma Luca è un ragazzo che la convocazione se la guadagna piazzandosi sempre tra i primi. Il suo è un ruolo importante proprio perché io e lui abbiamo una grande sintonia, mi può aiutare a gestire la corsa. Mentre Rinaldo è un corridore esperto, affidabile e in gran forma”. Poi le new entry Nizzolo e Moser: “Nizzolo è giovane ma ha già vinto parecchio, in più è veloce e sa tenere sugli strappi. Moser, dopo le critiche che ho ricevuto per la mancata convocazione olimpica, ha dimostrato di meritare appieno la chiamata: non perché andava forte ad agosto, ma perché pedala forte adesso. E perché sono convinto che i talenti come lui vadano schierati sempre nelle gare che contano”.
 Il presidente federale, Renato Di Rocco, ha sottolineato che "il valore della maglia azzurra è cresciuto ulteriormente. Tutti vogliono vestire questo simbolo. A livello internazionale siamo considerati degli apripista grazie anche alle nuove generazioni. Con le nostre scelte non abbiamo certo rivoluzionato la Nazionale di Bettini e degli altri ct, ma anzi stimolato una crescita del movimento. Comunque la maglia azzurra si conquista sempre pedalando e va rispettata e difesa con dignità e impegno".
"Gli atleti che sono stati convocati dai tecnici per i campionati del mondo se la sono guadagnata sul campo - ha concluso Di Rocco -. Partiamo per vincere come sempre, perché siamo abituati a essere vincenti. Lo abbiamo dimostrato anche recentemente alle Paralimpiadi e ai Mondiali di mountain bike"

La rassegna partirà il 15 settembre con la cerimonia d'apertura, mentre per il 16 è prevista la prima gara, la cronometro maschile e femminile. Le prove in linea inizieranno venerdì 21 settembre con la categoria Donne Juniores e termineranno domenica 23 con la gara degli Uomini Elite, la più attesa, nella quale scenderanno in pista gli uomini di Bettini.
 

F.P