Giro di Slovenia, tappa a Bole

Pubblicato il: 17-06-10

E' il momento della riscossa per alcuni corridori della Lampre-Farnese Vini. Così come accaduto per Petacchi, vittorioso martedì dopo un periodo contraddistinto da numerosi contrattempi, oggi è stato il turno di Grega Bole di dimostrare che i due mesi e mezzo di inattività forzata seguìti alla caduta occorsa alla Parigi-Nizza sono definitivamente archiviati. Già vincitore, nella scorsa settimana, di una tappa del Criterium del Delfinato, Bole si è imposto oggi nella prima frazione del Giro di Slovenia (Koper-Medvode, 173 km), regolando allo sprint un gruppo di circa 30 corridori.E' stata la pioggia battente a caratterizzare il finale della corsa: un nubifragio si è abbattuto sul gruppo nel circuito finale, spezzando il plotone in numerosi tronconi e causando negli ultimi 10 km svariate cadute. A 4 km dal traguardo anche Hondo, Da Dalto e Grendene sono rimasti coinvolti in una scivolata che non ha causato danni fisici ai corridori blu-fucsia, ma ha lasciato Bole nel drappello di testa con il solo Mori a supporto, visto che Sapa e Balloni avevano già esaurito il loro prezioso compito. Bole ha saputo comunque destreggiarsi alla perfezione nella volata, tagliando per primo la linea del traguardo davanti agli sloveni Kump e Zrimsek, conquistando anche la prima maglia di leader della classifica generale."Vincere in Slovenia è per me una soddisfazione enorme - ha spiegato un raggiante Bole - Sapevo che la tappa avrebbe potuto essere adatta alle mie caratteristiche, ma la pioggia ha reso tutto più incerto. Con l'aiuto dei compagni di squadra sono comunque riuscito a rimanere in testa alla corsa e spero di aver ripagato i loro sforzi con la vittoria".Anche il ds Fabrizio Bontempi ha mostrato compiacimento: "Grega è un ragazzo dalle qualità tecniche e umane straordinarie: mi ha fatto molto piacere vedere il suo volto illuminato da una grande gioia dopo la premiazione. La tappa è stata complicata, perché il nubifragio e le cadute hanno selezionato in maniera profonda il gruppo, ma Bole sa muoversi bene ed è riuscito ad arrivare a giocarsi la volata".

Comunicato Stampa